Dio come architetto del mondo,
folio I verso,
Bible Moralisée, Parigi,

Eseguito tra il 1220-1230,
Inchiostro, tempera e foglia d'oro su pergamena
© Osterreichische Nationalbibliothek, Vienna

Dio come architetto del mondo,
folio I verso,
Bible Moralisée, Parigi,

Eseguito tra il 1220-1230,
Inchiostro, tempera e foglia d'oro su pergamena
© Osterreichische Nationalbibliothek, Vienna

Vangelo di

Il Verbo si fece carne e visse tra noi

Giovanni 1:1-18

In principio era il Verbo:

e la Parola era con Dio

e il Verbo era Dio.

Era con Dio all'inizio.

Attraverso di lui sono nate tutte le cose,

non c'è una sola cosa che abbia avuto il suo essere se non attraverso di lui.

Tutto ciò che è nato ha avuto vita in lui

e quella vita era la luce degli uomini,

una luce che brilla nel buio,

una luce che le tenebre non potevano sopraffare.

Venne un uomo, mandato da Dio.

Il suo nome era John.

È venuto come testimone,

come testimone per parlare a nome della luce,

affinché tutti credessero per mezzo di lui.

Non era la luce,

solo un testimone che parli a nome della luce.

Il Verbo era la vera luce

che illumina tutti gli uomini;

e stava venendo al mondo.

Era nel mondo

che ha avuto il suo essere attraverso di lui,

e il mondo non lo conosceva.

È venuto nel suo dominio

e il suo stesso popolo non lo accettava.

Ma a tutti coloro che lo hanno accettato

ha dato il potere di diventare figli di Dio,

a tutti coloro che credono nel suo nome

che non è nato da stirpe umana

o stimolo della carne

o volontà dell'uomo

ma di Dio stesso.

Il Verbo si è fatto carne,

ha vissuto in mezzo a noi,

e abbiamo visto la sua gloria,

la gloria che gli spetta in quanto Figlio unigenito del Padre,

piena di grazia e di verità.

Giovanni appare come suo testimone. Egli proclama:

Questo è colui di cui ho detto:

Chi viene dopo di me mi precede

perché esisteva prima di me".

Anzi, dalla sua pienezza abbiamo, tutti, ricevuto -.

Sì, grazia in cambio di grazia,

da quando la Legge è stata data per mezzo di Mosè,

grazia e la verità sono venute attraverso Gesù Cristo.

Nessuno ha mai visto Dio;

è il Figlio unigenito, che è il più vicino al cuore del Padre,

che lo ha fatto conoscere.

Riflessione sul manoscritto illuminato gotico

Il Vangelo di oggi, che è l'inizio del Vangelo di Giovanni, inizia con tre parole: 'all'inizio". Tutta la Bibbia inizia con le stesse tre parole: "In principio Dio creò i cieli e la terra." (Genesi 1:1). Giovanni sta quindi radicando saldamente i propri scritti nell'Antico Testamento, sottolineando che tutti gli inizi risalgono a Dio Creatore. Ma poi Giovanni si muove immediatamente verso il posizionamento di Gesù: "In principio era la Parola'.

Il sostantivo "Parola" in greco è loghi (Λόγος). Il significato di questo sostantivo è molto ampio e va dal significato di "affermazione", "asserzione", "messaggio" o addirittura "dichiarazione". Tuttavia, Giovanni dà un significato nuovo, unico, alla parola "dichiarazione".loghi". Intende dire che il logos è l'espressione indipendente e personificata di Dio Creatore. Molto è stato scritto sull'uso che Giovanni fa di loghi e ne stiamo studiando un po' qui in seminario, ma ciò a cui si riduce è che Giovanni sta dicendo che Gesù che irrompe nel nostro mondo è l'espressione stessa di Dio. Inoltre, Gesù è Dio stesso. Giovanni sapeva cosa stava facendo quando ha fatto un'affermazione così audace per iniziare il suo Vangelo. Gesù è pienamente umano e pienamente divino!

L'immagine che stiamo osservando è tratta da un manoscritto gotico del XIII secolo, il Bibbia Moralisée. Queste bibbie scritte a mano e illustrate (miniate) sono tra i manoscritti più importanti. La nostra immagine è tratta da una bibbia illustrata medievale di questo tipo, chiamata in generale "Bibbia illustrata".biblia pauperum". Queste "bibbie per i poveri" (per le persone che non sapevano scrivere o leggere) sono documenti pesantemente illustrati e, all'epoca, estremamente costosi da produrre. La nostra immagine di oggi, accanto alla lettura del Vangelo, mostra come Dio ha creato il mondo. La scienza, e in particolare la geometria e l'astronomia/astrologia, era collegata direttamente al divino per la maggior parte degli studiosi medievali dell'epoca. È bello vedere che allora la scienza era considerata parte integrante dell'atto di creazione di Dio e non, come spesso accade oggi, in contrapposizione alla religione. Gli studiosi medievali ritenevano che Dio avesse creato l'universo secondo principi geometrici e armonici. Cercare questi principi significava quindi cercare e adorare Dio!

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Letture relative a Giovanni 1:1-18

2 gennaio 2021

Giovanni 1:19-28

Chi è lei?

24 agosto 2020

Giovanni 1:45-51

Festa di San Bartolomeo

24 agosto 2021

Giovanni 1:45-51

Nathaniel disse: "Può venire qualcosa di buono da questa...

25 dicembre 2021

Giovanni 1:1-18

Il Verbo si fece carne e visse tra noi

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

Passa al contenuto