La porta della vecchia fattoria,
Incisione in acciaio dopo il dipinto di William Collins (1788-1847),
Pubblicato circa 1880
© Alamy / Arte cristiana

La porta della vecchia fattoria,
Incisione in acciaio dopo il dipinto di William Collins (1788-1847),
Pubblicato circa 1880
© Alamy / Arte cristiana

Vangelo del 9 maggio 2022

Io sono la porta dell'ovile

Giovanni 10:1-10

Gesù ha detto:

In verità, in verità vi dico: chi non entra nell'ovile per la porta, ma entra per un'altra via, è un ladro e un brigante. Colui che entra dalla porta è il pastore del gregge; il guardiano lo fa entrare, le pecore sentono la sua voce, una per una chiama le sue pecore e le conduce fuori. Quando ha portato fuori il suo gregge, va avanti, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Non seguono mai un estraneo, ma fuggono da lui: non riconoscono la voce degli estranei".

Gesù raccontò loro questa parabola, ma non riuscirono a capire cosa volesse dire raccontandola.

Allora Gesù parlò loro di nuovo:

"In verità, in verità, vi dico,

Io sono la porta dell'ovile.

Tutti gli altri che sono venuti sono ladri e briganti; ma le pecore non hanno fatto caso a loro. Io sono la porta. Chiunque entra attraverso di me sarà al sicuro: entrerà e uscirà liberamente e sarà sicuro di trovare pascolo.

Il ladro viene solo per rubare, uccidere e distruggere. Io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza".

Riflessione sull'incisione

Gesù oggi ci dice che lui è la porta dell'ovile. Cos'è un ovile? È un'area chiusa da quattro mura con una porta in una delle mura. Niente può entrare o uscire se non passa attraverso il cancello. Gesù ci dice nella nostra lettura che si identifica con la porta. Noi entreremmo in quella porta per trovare sicurezza e protezione. Ma Gesù non vuole tenerci chiusi lì dentro. Al contrario. Come farebbe un pastore all'inizio della giornata, spalanca il cancello e lascia uscire le pecore nei verdi pascoli. Sono libere di vagare e godersi i ricchi campi.

Queste stesse dinamiche si applicano alle nostre vite in cui andiamo nel mondo e poi ci ritiriamo in uno spazio sicuro per trascorrere del tempo con Dio. Se cerchiamo di vivere la nostra vita con Gesù come la nostra porta per andare nel mondo e tornare indietro, sperimenteremo la più ricca delle vite. Questo significa anche che dovremo evitare di passare attraverso altre porte che possono essere allettanti per noi e tentatrici, ma che non ci offrirebbero la stessa profondità di vita.

La nostra incisione, tratta da un dipinto di William Collins, mostra cinque bambini che giocano su un vecchio cancello di legno di un campo, simile a quello che sarebbe il cancello di un ovile. Un ragazzo sta spingendo il cancello avanti e indietro, mentre altri tre bambini sono seduti sul cancello. Tre dei bambini sono già scalzi, mentre un altro si toglie con gioia una scarpa che noi vediamo cadere a terra. Anche il cagnolino si unisce al divertimento.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
3 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
3 mesi fa

C'è molto su cui riflettere - mi piace il modo in cui Cristo ci paragona alle pecore... un po' sciocco! Una ragione in più per seguirlo senza fare domande. Un'immagine allegra oggi - molto buona.

Guy Van Holsbeke
Membro
Guy Van Holsbeke(@guy)
3 mesi fa

terloops : volg wel eens de mis op KTOTV - vaak opgedragen door een naamgenoot : Patrick Chauvet.
Un sacerdote simpatico ed entusiasta... eppure è un vero e proprio naamgenoot.
Monsignor Patrick Chauvet è rettore-architetto della cattedrale di Notre-Dame di Parigi e teologo. Assicura anche la liturgia della cattedrale di Saint-Germain-L'Auxerrois, di cui è l'amministratore. È anche prelato d'onore di Sa Sainteté, consultore della Congregazione per il culto divino e decano del Capitolo cattedrale.

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
3 mesi fa

Perché diritta è la porta e stretta è la via

Letture relative a Giovanni 10:1-10

27 aprile 2021

Giovanni 10:22-30

Io e il Padre siamo una cosa sola.

12 maggio 2019

Giovanni 10: 27-30

Le pecore che mi appartengono ascoltano la mia voce

10 maggio 2022

Giovanni 10: 22-30

Gesù era nel Tempio e camminava su e giù in ...

3 maggio 2020

Giovanni 10:1-10

Le pecore sentono la sua voce

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica