Maria Maddalena, Marta, Lazzaro e Massimino venerati dal principe e dalla principessa di Provenza e Maria Maddalena che ascolta il sermone di Cristo,
Dipinto da Ludovico (Alvise) de Donati (1450-1534),
Dipinto intorno al 1508,
Tempera su tela
© Museu Nacional d'Art de Catalunya, Barcellona

Maria Maddalena, Marta, Lazzaro e Massimino venerati dal principe e dalla principessa di Provenza e Maria Maddalena che ascolta il sermone di Cristo,
Dipinto da Ludovico (Alvise) de Donati (1450-1534),
Dipinto intorno al 1508,
Tempera su tela
© Museu Nacional d'Art de Catalunya, Barcellona

Vangelo del 29 luglio 2022

Io sono la resurrezione e la vita

Giovanni 11:19-27

Molti giudei erano venuti da Marta e Maria per consolarle per il loro fratello. Quando Marta sentì che Gesù era venuto, gli andò incontro. Maria rimase seduta in casa. Marta disse a Gesù: 'Se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto, ma io so che, anche ora, qualunque cosa tu chieda a Dio, egli te la concederà'. 'Tuo fratello' le disse Gesù 'risorgerà'. Marta disse: 'So che risorgerà nella resurrezione dell'ultimo giorno'. Gesù disse:

'Io sono la resurrezione e la vita.

Se uno crede in me, anche se muore vivrà,

e chi vive e crede in me non morirà mai.

Ci credete?

Sì, Signore", disse, "credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che doveva venire in questo mondo".

Riflessione sui due dipinti

Il 26 gennaio 2021, Papa Francesco ha ordinato l'iscrizione dei Santi Marta, Maria e Lazzaro nel Calendario Romano Generale, in sostituzione dell'attuale celebrazione della sola Santa Marta. Oggi è quindi la memoria di questa famiglia, tutti e tre molto amici di Gesù. Nel decreto del 2021 sull'unione della venerazione di Maria e Lazzaro con quella di Marta, la Congregazione per il Culto Divino e i Sacramenti ha affermato: "Nella casa di Betania, il Signore Gesù sperimentò lo spirito familiare e l'amicizia di Marta, Maria e Lazzaro, e per questo il Vangelo di Giovanni afferma che li amò. Marta gli offrì generosamente ospitalità, Maria ascoltò con attenzione le sue parole e Lazzaro uscì prontamente dal sepolcro al comando di colui che umiliava la morte".

I nostri due pannelli, datati intorno al 1508 e opera di Ludovico de Donati, raffigurano due scene. Il pannello di sinistra raffigura i committenti di questi dipinti, il Principe e la Principessa di Provenza, che salutano Maria, Marta e Lazzaro. Il pannello di destra raffigura Maria che ascolta la predica di Cristo. Ritengo molto interessante il pannello di destra, che raffigura Cristo stesso in piedi sul pulpito. Sebbene non si sappia con certezza se Maria di Betania (la sorella di Lazzaro e di Maria di cui si parla nella lettura di oggi) sia la stessa persona di Maria Maddalena, gli artisti l'hanno spesso trattata come se fosse la stessa.

La potente lettura del Vangelo di oggi contiene anche una delle affermazioni più profonde di Cristo: "Io sono la risurrezione e la vita". Questa è l'essenza della nostra fede... ed egli disse queste parole alla sua migliore e più cara amica, Marta. Insieme a lei, possiamo dire: "Sì, Signore, credo che tu sei la risurrezione e la vita".

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Obiettivo del donatore
Stabilite come obiettivo il numero totale di donatori.
4 Commenti
Si desidera visualizzare un messaggio personalizzato quando l'obiettivo viene chiuso?
Grazie a tutti i nostri donatori, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di raccolta fondi.
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
4 mesi fa

Anche se di solito non viene rappresentato in questo modo, tuttavia Cristo è sul pulpito: lo troviamo nella Parola, nel Sacramento e, si spera, anche tra di noi.

Oi Lian Kon
Membro
Oi Lian Kon(@kairos712)
4 mesi fa

Marta, distratta, si riscatta con la sua spontanea confessione di fede, la seconda registrata nei Vangeli dopo quella di Pietro: "Tu sei il Messia, il Figlio del Dio vivente". Matteo 16:16

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
4 mesi fa

Piuttosto inequivocabile! "Io sono la Risurrezione e la Vita!". Dobbiamo accettare questa affermazione o scartarla come un resoconto inattendibile di Giovanni? La prima ipotesi è quella di aderire alla fede cristiana.

Letture correlate a Giovanni 11:19-27

29 luglio 2019

Giovanni 11: 19-27

Io sono la resurrezione e la vita

29 luglio 2020

Giovanni 11:19-27

Gesù simpatizza con Marta e Maria per L...

29 luglio 2021

Giovanni 11:19-27

Martha disse: 'So che risorgerà al ...

4 aprile 2020

Giovanni 11:45-56

Caifa disse: è meglio che un uomo solo muoia

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica