Il disprezzo dell'odio,
Pittura di Ernest Joseph Bailly (1753-1823),
Dipinto nel 1792
Olio su tela
© Museum voor Schone Kunsten, Ghent / Alamy

Il disprezzo dell'odio,
Pittura di Ernest Joseph Bailly (1753-1823),
Dipinto nel 1792
Olio su tela
© Museum voor Schone Kunsten, Ghent / Alamy

Vangelo del 21 maggio 2022

Se il mondo vi odia, ricordatevi che ha odiato me prima di voi

Giovanni 15:18-21

Gesù disse ai suoi discepoli:

'Se il mondo vi odia, ricordatevi che ha odiato me prima di voi.

Se voi apparteneste al mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; ma poiché voi non appartenete al mondo, poiché la mia scelta vi ha sottratto al mondo, perciò il mondo vi odia.

Ricordate le parole che vi ho detto: Un servo non è più grande del suo padrone. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno mantenuto la mia parola, manterranno anche la vostra. Ma sarà per causa mia che faranno tutto questo, perché non conoscono colui che mi ha mandato".

Riflessione sul ritratto

La maggior parte delle letture del Vangelo di questa settimana parlava di amore, fiducia e amicizia, ma quella di oggi parla di odio. Gesù dice:Se il mondo vi odia, ricordatevi che ha odiato me prima di voi.' Gesù è molto realista in ciò che ci chiede di fare. Sapeva che i cristiani avrebbero incontrato ostilità e odio. Nella Chiesa primitiva questo avrebbe assunto talvolta la forma di persecuzioni (che purtroppo si verificano ancora oggi in alcune parti del mondo). Nella Chiesa del XXI secolo, l'ostilità verso il cristianesimo si presenta sotto forma di ateismo aggressivo o di indifferenza secolarista profondamente radicata.

L'ostilità verso i cristiani nel nostro secolo è più sottile. Forse non ne siamo nemmeno particolarmente consapevoli, ma sappiamo che il rifiuto della fede è presente nelle nostre società. Questo ci porta ad avere paura di testimoniare pubblicamente il nostro credo cristiano. Preferiamo tenere la testa bassa e vivere in silenzio la nostra fede. Questo è vero, ma Gesù ci chiama a cercare di essere luci in un mondo oscurato attraverso il modo in cui viviamo la nostra vita.

In linea con Parigi e Lille, l'Accademia di Gand in Belgio organizzò il suo primo Salon nel 1792. Si trattava di un concorso incentrato sul tema del ritratto di un personaggio. Ernest Joseph Bailly ottenne il primo premio con questo ritratto. Il viso è contorto e rude e non emana altro che disprezzo. L'opera è intitolata "Disprezzo dell'odio", poiché l'uomo sta effettivamente rifiutando l'odio che vede in qualcun altro. Così, mentre questo è un ritratto duro, insolito e scomodo, il suo scopo è nobile: trasmettere un disprezzo dell'odio.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
3 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Luc De Brant
Membro
Luc De Brant(@luc-de-brant)
1 mese fa

Ringrazio U Heer per quello che mi ha dato.
e' la mia vita che non si ferma mai
Non voglio che Gij mij Heer sia dimenticato
rilt in mijn hart de reine roos

Gebed van een onschuldig ter dood veroordeelde
In Belgio nel 1946, Bert Peleman".

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
1 mese fa

Trovo che il cristianesimo sia accolto con disprezzo su tutti i social media e gli insulti abbondano. Ho rinunciato a Twitter, ecc. ma a volte ci si chiede se sia il caso di tornare a farsi insultare!
Come il dipinto, tra l'altro. Caravaggio sarebbe orgoglioso della sua influenza...

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
1 mese fa

È un'interessante lettura del Vangelo che si riferisce all'odio che il mondo mostrerà verso coloro che hanno fede. Quando ero giovane la gente sposava l'agnosticismo (c'è qualcosa là fuori...). Ora la gente dice spesso "sono ateo", che di solito significa "non posso essere disturbato a pensare alla fede religiosa". E l'ambiente è cambiato, passando dall'indifferenza alla fede al disprezzo. In effetti, l'aggressività si sta insinuando e sentiamo spesso parlare dell'Occidente che ha imboccato questa strada.

Letture relative a Giovanni 15:18-21

23 luglio 2020

Giovanni 15:1-8

Fai la tua casa in me, come io faccio la mia in te

23 maggio 2022

Giovanni 15:26-16:4

Lo Spirito di verità che viene dal Padre,...

19 maggio 2022

Giovanni 15:9-11

Vi ho detto questo perché la mia gioia sia ...

14 maggio 2020

Giovanni 15: 9-17

Festa di San Mattia

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica