La discesa dalla croce,
Pittura di Pieter Paul Rubens (1577-1640),
Dipinto tra il 1612-1614,
olio su pannello
© Cattedrale di Nostra Signora, Anversa

La discesa dalla croce,
Pittura di Pieter Paul Rubens (1577-1640),
Dipinto tra il 1612-1614,
olio su pannello
© Cattedrale di Nostra Signora, Anversa

Vangelo del 14 aprile 2022

La Via Crucis - Stazione 13: Il corpo di Gesù viene portato giù dalla croce

Giovanni 19: 38

Dopo questo Giuseppe d'Arimatea, che era un discepolo di Gesù, ma di nascosto, per paura dei Giudei, chiese a Pilato di poter portare via il corpo di Gesù, e Pilato glielo concesse.

Così è venuto e ha portato via il suo corpo.

Riflessione sulla pittura

Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo

Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

 

Mio Gesù, che scena drammatica e triste. Vedo degli operai che abbassano il tuo corpo con l'aiuto di un sudario che uno di loro tiene tra i denti. Si stanno tenendo saldamente contro le braccia della croce. Quanto deve essere forte quella croce! Vedo John, con un piede sulla scala e la sua schiena inarcata, sostenere la tua parte bassa della schiena. Uno dei tuoi piedi poggia delicatamente sulla spalla di Maria Maddalena. Tua madre è in piedi ai piedi dell'albero sacrificale, allungando le braccia verso di te. Non vede l'ora di riabbracciarti.

Oggi mi concentro su vostra madre. Nostra madre. Non posso immaginare cosa deve essere stato per lei vedere suo figlio torturato, maltrattato e poi inchiodato su una croce in un luogo pubblico perché tutti lo vedano... Apri i miei occhi, Signore Gesù, affinché anch'io possa essere lì per qualcuno addolorato, indifeso o colpito dal dolore.

Quando qualcuno muore, improvvisamente divento molto gentile con quella persona. Ma che dire di quando hanno vissuto? Mio Gesù, aiutami a vedere le cose buone in tutti quelli che incontro, e fammi amare.

 

Padre nostro, che sei nei cieli...

Ave Maria, piena di grazia...

Gloria al Padre e al Figlio...

 

 

 

Lettura normale del Vangelo del giorno: Giovanni 13:1-15:

Era prima della festa della Pasqua, e Gesù sapeva che era giunta l'ora di passare da questo mondo al Padre. Aveva sempre amato coloro che erano suoi nel mondo, ma ora mostrava quanto fosse perfetto il suo amore.

Erano a cena e il diavolo aveva già messo in testa a Giuda Iscariota, figlio di Simone, di tradirlo. Gesù sapeva che il Padre aveva messo tutto nelle sue mani, che era venuto da Dio e stava tornando a Dio, e si alzò da tavola, si tolse la veste esterna e, preso un asciugamano, se lo avvolse intorno alla vita; poi versò dell'acqua in un catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l'asciugamano che portava. Si avvicinò a Simon Pietro, che gli disse: "Signore, vuoi lavarmi i piedi? Gesù rispose: 'Al momento non sai cosa sto facendo, ma più tardi capirai'. 'Mai!' disse Pietro 'Non mi laverai mai i piedi'. Gesù rispose: 'Se io non ti lavo, tu non puoi avere nulla in comune con me'. Allora, Signore,' disse Simon Pietro 'non solo i miei piedi, ma anche le mie mani e la mia testa! Gesù disse: 'Nessuno che ha fatto il bagno ha bisogno di essere lavato, è pulito dappertutto. Anche voi siete puliti, anche se non tutti lo siete". Sapeva chi lo avrebbe tradito, ecco perché disse: 'anche se non tutti lo siete'.

Quando ebbe lavato i loro piedi e indossato di nuovo le sue vesti, tornò al tavolo. Capite" disse "quello che vi ho fatto? Voi mi chiamate Maestro e Signore, e giustamente; così sono. Se io, dunque, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, dovreste lavarvi i piedi a vicenda. Vi ho dato un esempio perché possiate copiare ciò che io ho fatto a voi".

Condividi questa lettura del Vangelo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email

**Devi essere loggato per lasciare commenti.

  • Clare Kent ha detto:

    Grazie per queste riflessioni molto commoventi. Come madre sono particolarmente toccata da Maria che si protende con il desiderio di tenere di nuovo suo figlio tra le sue braccia. Vi auguro un Triduo benedetto.

  • Charles Marriott ha detto:

    Si'... Diciamo le cose buone delle persone quando sono ancora con noi. Non avere rimpianti per come le abbiamo trattate e parlato quando erano ancora vive. Ora sono vecchio e a volte mi sento un po' a disagio ai funerali quando appaiono "persone in lutto" che il defunto non vedeva da molto tempo. Sono lì per il dramma e, oserei dire, per il cibo e le bevande.....

  • Letture relative a Giovanni 19: 38

    10 giugno 2019

    Giovanni 19: 25-34

    Ammira tuo figlio. Ammira tua madre.

    20 marzo 2021

    Giovanni 19:1- 5

    La Via Crucis - Stazione 1: Gesù è...

    23 marzo 2021

    Giovanni 19:27

    La Via Crucis - Stazione 4: Gesù me...

    24 maggio 2021

    Giovanni 19:25-34

    Vicino alla croce di Gesù stavano le tre Marie

    Unisciti alla nostra comunità

    Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

    La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

    CONNETTITI CON NOI

    Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

    >