Mangiatoia con l'ombra della croce,
Fotografia di Gino Santa Maria,
Fotografato il 23 marzo 2010,
Foto digitale
© Alamy Stock Photo / Gino's Premium Images/ Alamy Stock Photo

Mangiatoia con l'ombra della croce,
Fotografia di Gino Santa Maria,
Fotografato il 23 marzo 2010,
Foto digitale
© Alamy Stock Photo / Gino's Premium Images/ Alamy Stock Photo

Vangelo del 24 aprile 2022

Le porte erano chiuse per paura

Giovanni 20:19-31

La sera dello stesso giorno, il primo giorno della settimana, le porte erano chiuse nella stanza dove si trovavano i discepoli, per paura dei Giudei. Gesù venne e si fermò in mezzo a loro. Disse loro: "La pace sia con voi" e mostrò loro le sue mani e il suo fianco. I discepoli furono pieni di gioia quando videro il Signore, ed egli disse loro di nuovo: "Pace a voi".

Come il Padre mi ha mandato,

così ti mando io".

Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse:

Ricevete lo Spirito Santo. Quelli cui rimetterete i peccati, saranno perdonati;

quelli cui non rimetterete i peccati, non saranno rimessi".

Tommaso, detto il Gemello, che era uno dei Dodici, non era con loro quando venne Gesù. Quando i discepoli dissero: "Abbiamo visto il Signore", egli rispose: "Se non vedo i fori che i chiodi hanno fatto nelle sue mani e non posso mettere il mio dito nei fori che hanno fatto, e se non posso mettere la mia mano nel suo costato, mi rifiuto di credere". Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo nella casa e Tommaso era con loro. Le porte erano chiuse, ma Gesù entrò e si fermò in mezzo a loro. 'La pace sia con voi' disse. Poi disse a Tommaso: 'Metti il tuo dito qui; guarda, ecco le mie mani. Dammi la tua mano; mettila nel mio costato. Non dubitare più, ma credi". Tommaso rispose: 'Mio Signore e mio Dio! Gesù gli disse:

Tu credi perché puoi vedermi.

Beati quelli che non hanno visto eppure credono".

Ci furono molti altri segni che Gesù operò e che i discepoli videro, ma non sono scritti in questo libro. Questi sono scritti in modo che possiate credere che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e che credendo questo possiate avere la vita attraverso il suo nome.

Riflessione sulla fotografia d'arte digitale

Nella lettura del Vangelo di oggi sentiamo come i discepoli erano pieni di paure. Avevano paura che quello che era successo a Gesù potesse succedere anche a loro. L'ombra del Golgota incombeva su di loro!

Dal giorno in cui siamo nati, l'ombra della croce getta un'ombra sulla nostra vita. La nostra fotografia di arte digitale lo illustra in modo toccante. Sta a noi decidere quanto lasciamo che la croce di Gesù Cristo influenzi la nostra vita. Se ne siamo consapevoli, ci influenzerà in modo positivo (il modo in cui ci relazioniamo con gli altri, il modo in cui guardiamo alle ricchezze, alla povertà, all'ingiustizia, ecc...). La croce di Cristo dovrebbe dominare ogni area della nostra vita. Dobbiamo vivere una vita centrata sulla croce.

Questo naturalmente non significa che dovremmo attraversare la vita tristi e abbattuti. Al contrario, vivere la nostra vita immersi nella consapevolezza della croce ci darà una grande gioia. La croce ci darà compassione, comprensione, amore, speranza, cura, perdono e un impulso per la giustizia, la pace e l'amore per il nostro prossimo. Abbracciare la nostra croce è abbracciare l'amore e la misericordia.

Oggi è anche la Domenica della Divina Misericordia. La misericordia è il risultato dell'aver riposto tutta la nostra speranza e fiducia in Cristo. Quando non abbiamo paura e abbracciamo la nostra croce, riceviamo tanta misericordia... misericordia che poi dobbiamo condividere con gli altri.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Obiettivo del donatore
Stabilite come obiettivo il numero totale di donatori.
6 Commenti
Si desidera visualizzare un messaggio personalizzato quando l'obiettivo viene chiuso?
Grazie a tutti i nostri donatori, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di raccolta fondi.
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
7 mesi fa

Grande riflessione oggi Patrick. Grazie. È attraverso la Parola che noi "non abbiamo visto eppure crediamo" Grazie a Dio.

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
7 mesi fa

Sono fasce? Purtroppo sono in vacanza per un po', quindi la comunità dell'arte cristiana sarà privata del mio "apercus" !!!!

Antonio
Membro
Antonio(@antonio)
7 mesi fa
Rispondi a  Charles Marriott

Purtroppo Charles dovrai lasciare i commenti al resto di noi.

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
7 mesi fa
Rispondi a  Charles Marriott

Ovunque tu vada, goditi Charles. Lui verrà con te ?

Antonio
Membro
Antonio(@antonio)
7 mesi fa
Rispondi a  Patricia O'Brien

Egli certamente patrocinerà. Non ci ha mai deluso o abbandonato.

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
7 mesi fa
Rispondi a  Patricia O'Brien

Grazie per questa rassicurazione Patricia. Questa e-mail va a molte persone ma non molte lasciano commenti. Mi chiedo perché?

Letture relative a Giovanni 20:19-31

3 luglio 2021

Giovanni 20:24-29

Beati quelli che non hanno visto eppure credono

17 aprile 2022

Giovanni 20:1-9

Perché cercare tra i morti qualcuno che è vivo?

31 maggio 2020

Giovanni 20:19-23

La festa di Pentecoste

14 aprile 2020

Giovanni 20:11-18

Maria Maddalena vide due angeli

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica