San Pietro e San Giovanni corrono al Sepolcro, 
Disegnato da James Tissot (1836-1902),
Disegnato tra il 1886 e il 1894,
Guazzo e grafite su carta
© Brooklyn Museum, New York

San Pietro e San Giovanni corrono al Sepolcro, 
Disegnato da James Tissot (1836-1902),
Disegnato tra il 1886 e il 1894,
Guazzo e grafite su carta
© Brooklyn Museum, New York

Vangelo di

Giovanni corse più veloce di Pietro verso la tomba

Giovanni 20:2-8

Il primo giorno della settimana Maria di Magdala corse da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava. 'Hanno tolto il Signore dalla tomba' disse 'e non sappiamo dove l'hanno messo'.

Così Pietro si mise in cammino con l'altro discepolo per andare alla tomba. Correvano insieme, ma l'altro discepolo, correndo più veloce di Pietro, raggiunse la tomba per primoSi chinò e vide i teli di lino per terra, ma non entrò. Simon Pietro, che lo seguiva, si avvicinò, entrò nel sepolcro, vide i teli di lino per terra e anche il telo che era stato sul suo capo; questo non era con i teli di lino, ma arrotolato in un posto a sé. Allora entrò anche l'altro discepolo che aveva raggiunto per primo il sepolcro; vide e credette.

Riflessione sulla gouache su carta

Solo due giorni fa abbiamo celebrato la nascita di Gesù. Ieri abbiamo guardato il martirio di Santo Stefano. Oggi siamo alla tomba di Cristo. La vita è breve! Quindi tra la nascita e la morte è meglio che facciamo qualcosa della nostra vita...

Ma guardiamo più da vicino la frase che San Giovanni scrive nel Vangelo di oggi 'Correvano insieme, ma l'altro discepolo, correndo più veloce di Pietro, raggiunse per primo la tomba". In prima istanza, può sembrare un'informazione banale che ci viene detta. Perché è così importante che Giovanni ci dica che ha corso più veloce di Pietro? Giovanni ci sta dicendo che la sua fede era più forte di quella di Pietro perché correva più veloce, più concentrato, più determinato. Ma Giovanni sapeva nel profondo che non avrebbe più trovato Cristo alla tomba. Non aveva nemmeno bisogno di entrare nella tomba per saperlo. Rimase fuori mentre la sua fede gli diceva che Cristo era risorto dai morti.

Pietro invece è dovuto entrare nella tomba per vedere con i suoi occhi che Cristo non c'era più. Ma è su Pietro che Cristo ha costruito la sua Chiesa. Forse all'epoca non era l'uomo con più fede rispetto agli altri discepoli, ma tuttavia Cristo gli ha consegnato le chiavi della Chiesa.

Questa immagine di James Tissot, mostra Giovanni davanti a Pietro che corre verso la tomba. Giovanni ha un senso di urgenza. Correva verso il Signore, proprio come noi siamo invitati a correre verso di Lui, specialmente in questi giorni di Natale. Correre verso la Sua luce... dove Cristo aspetta di incontrarci...

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Letture relative a Giovanni 20:2-8

22 luglio 2020

Giovanni 20:1-2,11-18

Festa di Santa Maria Maddalena

22 luglio 2021

Giovanni 20:1-2,11-18

Festa di Santa Maria Maddalena

3 luglio 2020

Giovanni 20:24-29

Mio Signore e mio Dio!

31 maggio 2020

Giovanni 20:19-23

La festa di Pentecoste

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica