La Sala Lunga, Biblioteca del Trinity College, Dublino,
Ideata da Colonnello Thomas de Burgh (1670-1730),
Costruito tra il 1712 e il 1732
© Trinity College, Dublino, Irlanda

La Sala Lunga, Biblioteca del Trinity College, Dublino,
Ideata da Colonnello Thomas de Burgh (1670-1730),
Costruito tra il 1712 e il 1732
© Trinity College, Dublino, Irlanda

Vangelo dell'8 giugno 2019

Se tutto fosse scritto, il mondo stesso non conterrebbe tutti i libri che dovrebbero essere scritti.

Giovanni 21: 20-25

Pietro si voltò e vide che li seguiva il discepolo che Gesù amava, quello che durante la cena si era appoggiato al suo petto e gli aveva detto: "Signore, chi è che ti tradirà?". Vedendolo, Pietro disse a Gesù: "E lui, Signore?". Gesù rispose: "Se voglio che rimanga finché non vengo, che importa a te? Tu devi seguirmi". Si sparse allora la voce tra i fratelli che questo discepolo non sarebbe morto. Ma Gesù non aveva detto a Pietro: "Non morirà", bensì: "Se voglio che rimanga finché non vengo".

Questo discepolo è colui che rende testimonianza per questi fatti e li ha scritti, e noi sappiamo che la sua testimonianza è vera.

Ci sono state molte altre cose che Gesù ha fatto; se tutto fosse scritto, il mondo stesso, credo, non potrebbe contenere tutti i libri che dovrebbero essere scritti..

Riflessione sulla biblioteca

La lettura del Vangelo di oggi termina conCi sono state molte altre cose che Gesù ha fatto; se tutte fossero scritte, il mondo stesso, suppongo, non riuscirebbe a contenere tutti i libri che dovrebbero essere scritti". Mi piacciono queste righe. Pensare che in realtà solo una piccola parte delle azioni di Gesù sono state scritte dagli scrittori del Vangelo, significa che Gesù deve aver fatto e detto molto di più durante la sua vita e il suo ministero. Ogni momento trascorso con Lui deve essere stato infinitamente ricco di influenza e di contenuti. Ma dobbiamo essere grati per ciò che ha sono stati scritti e ci sono stati tramandati. È stato scritto abbastanza per orientare la nostra fede; forse non era necessario fare di più? Ecco perché dovremmo fare tesoro di ciò che ci è stato dato attraverso i Vangeli e assicurarci di non trascurare o dimenticare nulla... ogni parola è importante.

Leggendo le parole di Giovanni, in cui si dice che il mondo non potrebbe contenere tutti i libri che dovrebbero essere scritti se tutto ciò che Gesù ha fatto e raccontato venisse trascritto, mi sono venute in mente alcune delle più belle biblioteche del mondo. Probabilmente il Trinity College di Dublino è una delle più suggestive. Ho avuto la fortuna di tornarci un mese fa e ogni volta che mi trovo lì, circondato dalla sua bellezza e dalla grande quantità di libri, mi sembra un immenso privilegio. Il cristianesimo ha un rapporto molto stretto con i suoi testi e libri sacri. La nostra fede si basa su di essi. Per questo le biblioteche, fin dall'inizio della Chiesa, hanno svolto un ruolo fondamentale, affiancate da bibliotecari che svolgono con amore il loro lavoro. La loro missione di conservare testi e documenti preziosi al sicuro, ma allo stesso tempo accessibili, è stata fondamentale per tramandare la fede di generazione in generazione. L'avvento di Internet comporta il pericolo che la professione dei bibliotecari cristiani diventi meno importante per la propagazione della nostra fede. Niente è meno vero e dovremmo proteggere la missione che hanno e celebrare l'amore per Cristo che hanno nella loro professione come una virtù fondamentale della biblioteconomia.

La biblioteca del Trinity College di Dublino è nota soprattutto, oltre che per la sua splendida architettura, per ospitare il Libro di Kells, un manoscritto miniato in latino contenente i quattro Vangeli e realizzato intorno all'800 d.C.. Il più antico edificio della biblioteca del Trinity fu progettato da Thomas Burgh e richiese 20 anni per essere completato, con l'inizio dei lavori nel 1712. La Long Room, lunga 65 metri (213 piedi), ospita ancora oggi oltre 200.000 libri. La biblioteca del Trinity College conserva una copia di tutti i libri stampati nel Regno Unito e in Irlanda. Come parte della costituzione del college, gli studenti possono chiedere un bicchiere di vino durante gli esami... sono abbastanza sicuro che non lo riceveranno...

Qualunque sia il costo del pagamento dei nostri bibliotecari e della cura delle nostre biblioteche, il prezzo è basso rispetto a quello di una nazione ignorante!

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Subscribe
Notify of
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Letture correlate a Giovanni 21, 20-25

26 aprile 2019

Giovanni 21:1-14

Questa fu la terza volta che Gesù si mostrò

17 aprile 2020

Giovanni 21:1-14

Hanno catturato 153 pesci

21 maggio 2021

Giovanni 21:15-19

Gesù ha indicato il tipo di morte con cui Pete...

1 maggio 2022

Giovanni 21:1-14

Gesù prese il pane e lo diede loro

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 70.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la nostra riflessione sull'arte.

Skip to content