Riposo durante la fuga in Egitto,
Pittura di Luc Olivier-Merson (1846-1920),
Dipinto nel 1880,
Olio su tela
© Museo delle Belle Arti, Boston, Massachusetts

Riposo durante la fuga in Egitto,
Pittura di Luc Olivier-Merson (1846-1920),
Dipinto nel 1880,
Olio su tela
© Museo delle Belle Arti, Boston, Massachusetts

Vangelo del 22 aprile 2021

Chiunque crede ha la vita eterna

Giovanni 6:44-51

Gesù disse alla folla:

Nessuno può venire a me se non è attirato dal Padre che mi ha mandato, e io lo risusciterò nell'ultimo giorno. È scritto nei profeti: Tutti saranno istruiti da Dio, e ascoltare l'insegnamento del Padre, e imparare da esso, è venire a me. Non che qualcuno abbia visto il Padre, tranne colui che viene da Dio ha visto il Padre.

Ve lo dico con la massima solennità, chiunque crede ha la vita eterna. Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; ma questo è il pane che scende dal cielo, perché l'uomo ne mangi e non muoia.

Io sono il pane vivo disceso dal cielo. Chiunque mangia questo pane vivrà in eterno; e il pane che io darò è la mia carne, per la vita del mondo".

Riflessione sulla pittura

Nella nostra lettura di oggi, Gesù dice che 'tutti chi crede ha la vita eterna'. Il cristianesimo non è quindi una fede regionale, una fede di un popolo, di una nazione, di una razza... Il cristianesimo va oltre ogni confine di etnia, razza, cultura, economia, ecc... L'amore di Dio, il perdono e la promessa di vita eterna attraverso Cristo è un vero dono universale. 

Ma l'universalità della nostra Chiesa può essere vissuta solo attraverso il coinvolgimento locale nelle nostre comunità e parrocchie. La nostra appartenenza attraverso il battesimo alla Chiesa universale deve trovare espressione nelle nostre chiese locali. La nostra parrocchia locale è quindi il luogo in cui partecipiamo alla Chiesa universale.

L'8 dicembre 1870, la Sacra Congregazione dei Riti promulgò un decreto che comunicava la decisione di Papa Pio IX di dichiarare San Giuseppe Patrono della Chiesa Universale. Lo scorso dicembre Papa Francesco ha celebrato il 150° anniversario di questa dichiarazione dedicando quest'anno a San Giuseppe. Così oggi voglio condividere con voi un dipinto di San Giuseppe che amo assolutamente. 

Il nostro artista, Luc Olivier-Merson, mostra come San Giuseppe sta portando la Sacra Famiglia in Egitto, al sicuro da Erode. Giuseppe non ha esitato ad obbedire all'angelo nel suo secondo sogno, nonostante le difficoltà. Così Si alzò, prese il bambino e sua madre di notte, andò in Egitto e vi rimase fino alla morte di Erode. (Mt 2,14-15). Vediamo la Madonna con in mano il Bambino Gesù, che riposa tra le zampe della sfinge pagana. Gesù Bambino emana luce. L'unica altra fonte di luce è il fuoco del campo accanto a Giuseppe. Lui è lì,  nell'ombra a destra, esausto, riposa accanto all'asino... lavorando instancabilmente per la sua famiglia e... la sua Chiesa universale.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Subscribe
Notify of
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Letture relative a Giovanni 6:44-51

12 aprile 2024

Giovanni 6:1-15

Qui c'è un ragazzino con cinque pani d'orzo...

9 maggio 2019

Giovanni 6: 44-51

I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto

18 aprile 2024

Giovanni 6:44-51

Chi crede ha la vita eterna

17 aprile 2024

Giovanni 6:35-40

Chi crede nel Figlio avrà l'eterno...

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 70.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la nostra riflessione sull'arte.

Skip to content