Rituali giudaici nell'Antico Testamento,
Incisione anonima.
Mensa panum propositionis.
Exod XXV. Festum tabernaculorum. Levit. XXIII. Altare, pelvis et columnae ex aere. 1 Reg. VII. VIII. Dedicatio templi Salomonis. 1 Reg. VIII.,
XVIII secolo
© La Biblioteca della Collezione Wellcome

 

Rituali giudaici nell'Antico Testamento,
Incisione anonima.
Mensa panum propositionis.
Exod XXV. Festum tabernaculorum. Levit. XXIII. Altare, pelvis et columnae ex aere. 1 Reg. VII. VIII. Dedicatio templi Salomonis. 1 Reg. VIII.,
XVIII secolo
© La Biblioteca della Collezione Wellcome

 

Vangelo del 1 aprile 2022

Gesù salì alla festa ebraica dei tabernacoli

Giovanni 7:1-2,10,25-30

Gesù rimase in Galilea; non poteva rimanere in Giudea, perché i Giudei volevano ucciderlo.

Mentre la festa ebraica dei Tabernacoli si avvicinava, Dopo che i suoi fratelli erano partiti per la festa, salì anche lui, ma in privato, senza attirare l'attenzione su di sé. Intanto alcuni abitanti di Gerusalemme dicevano: "Non è questo l'uomo che vogliono uccidere? Ed eccolo qui, che parla liberamente, e non hanno niente da dirgli! Possibile che le autorità abbiano deciso che lui è il Cristo? Eppure tutti sappiamo da dove viene, ma quando il Cristo apparirà nessuno saprà da dove viene".

Poi, mentre Gesù insegnava nel Tempio, gridò:

'Sì, mi conosci

e tu sai da dove vengo.

Eppure non sono venuto da me stesso:

no, c'è uno che mi ha mandato

e vengo davvero da lui,

e voi non lo conoscete,

ma lo conosco perché sono venuto da lui

ed è lui che mi ha mandato".

Avrebbero voluto arrestarlo allora, ma poiché non era ancora giunta la sua ora, nessuno gli mise una mano addosso.

Riflessione sull'incisione

La Festa dei Tabernacoli, che è menzionata nella nostra lettura del Vangelo di oggi, durava otto giorni. Verso l'inizio dell'autunno, gli ebrei commemoravano la protezione che Dio aveva dato agli israeliti durante i quarant'anni dell'Esodo. Poiché coincideva con la fine del raccolto, era anche chiamata la Festa della Raccolta. 

La nostra incisione di oggi mostra quattro grandi rituali dell'Antico Testamento: in senso orario dall'alto a sinistra: 

  • Nella prima scena, i dodici pani vengono offerti al Signore (Esodo 25.30),
  • il secondo rappresenta la Festa dei Tabernacoli (Levitico 23.34),
  • il terzo (in basso a sinistra) raffigura il Tempio di Salomone (1 Re 7-8; 2 Cronache 3-5), 
  • la quarta immagine mostra l'enorme sacrificio di Salomone nel suddetto tempio (1 Re 8.1-5). 

Gesù faceva parte di tutte le tradizioni e feste ebraiche. Oggi leggiamo che partecipa alla festa autunnale del raccolto, la Festa dei Tabernacoli. La festa celebrava che Dio portava agli Israeliti un buon raccolto, anno dopo anno. Dobbiamo ricordare che gli israeliti non erano principalmente agricoltori; sopravvivevano principalmente allevando animali. Quindi, qualsiasi cosa raccogliessero, erano particolarmente grati per questo. 

Oggi possiamo porci la stessa domanda: quale raccolto ognuno di noi ha visto Dio portare nella propria vita? Abbiamo un raccolto che cresce nella nostra vita e che sappiamo provenire solo da Dio?

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
4 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Guy Van Holsbeke
Membro
Guy Van Holsbeke(@guy)
4 mesi fa

Quando leggete questo bel libro, vi rendete conto che molti uomini sono stati gestiti in modo diverso, come l'uomo di Nazareth. E questo non è stato per niente bello come lo abbiamo visto noi!

Michael Trudeau
Membro
Michael Trudeau(@michaeltrudeau)
4 mesi fa
Rispondi a  Guy Van Holsbeke

Non è ancora facile. Ma sapere chi è l'uomo di Nazareth è un dono che dura un'eternità.

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
4 mesi fa

Sì, e comincerei proprio con quello che stiamo contemplando qui ogni giorno, grazie a Patrick, il suo messaggero. Deo Gratias.

marleen de vlieghere
Membro
marleen de vlieghere(@marleen)
4 mesi fa
Rispondi a  Patricia O'Brien

Amen, Patricia!

Letture relative a Giovanni 7:1-2,10,25-30

27 marzo 2020

Giovanni 7:1-2,10,25-30

La festa ebraica dei Tabernacoli si avvicina

28 marzo 2020

Giovanni 7:40-52

Non c'è mai stato nessuno che abbia parlato come...

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica