Vangelo dell'11 settembre 2022

Ci sarà gioia in cielo per un peccatore pentito

Luca 15:1-32

Gli esattori e i peccatori cercavano tutti la compagnia di Gesù per ascoltare ciò che aveva da dire, e i farisei e gli scribi si lamentavano. Quest'uomo" dicevano "accoglie i peccatori e mangia con loro". Allora egli raccontò loro questa parabola:

Quale uomo tra voi che ha cento pecore e ne perde una, non lascerebbe le novantanove nel deserto e andrebbe dietro a quella mancante finché non la trova? E quando l'avesse trovata, non l'avrebbe presa con gioia sulle spalle e poi, una volta arrivato a casa, avrebbe chiamato a raccolta gli amici e i vicini? "Rallegratevi con me", avrebbe detto, "ho trovato la mia pecora che era perduta". Allo stesso modo, vi dico che in cielo ci sarà più gioia per un peccatore pentito che per novantanove uomini virtuosi che non hanno bisogno di pentirsi.

O ancora, quale donna con dieci dracme non accenderebbe, se ne perdesse una, una lampada, spazzerebbe la casa e cercherebbe a fondo finché non la trova? E poi, una volta trovata, chiamerebbe a raccolta amici e vicini? "Rallegratevi con me", direbbe, "ho ritrovato la dracma che avevo perso". Allo stesso modo, vi dico che gli angeli di Dio gioiscono per un peccatore pentito".

Disse anche: "Un uomo aveva due figli. Il più giovane disse al padre: "Padre, fammi avere la parte di eredità che mi spetta". Così il padre divise la proprietà tra loro. Pochi giorni dopo, il figlio minore raccolse tutto ciò che aveva e partì per un paese lontano, dove sperperò il suo denaro in una vita dissoluta.

Quando li ebbe spesi tutti, in quel paese si verificò una grave carestia e lui cominciò a sentirne il peso, così si fece assumere da uno degli abitanti del luogo che lo mise nella sua fattoria a nutrire i maiali. Avrebbe volentieri riempito la sua pancia con le bucce che i maiali mangiavano, ma nessuno gli offrì nulla. Allora si ravvide e disse: "Quanti servi pagati da mio padre hanno più cibo di quanto ne vogliano, e io sto morendo di fame! Lascerò questo luogo e andrò da mio padre a dirgli: Padre, ho peccato contro il cielo e contro di te; non merito più di essere chiamato tuo figlio; trattami come uno dei tuoi servi a pagamento". Così lasciò il luogo e tornò da suo padre.

Mentre era ancora lontano, il padre lo vide e fu mosso da compassione. Corse dal ragazzo, lo strinse tra le braccia e lo baciò teneramente. Poi il figlio disse: "Padre, ho peccato contro il cielo e contro di te. Non merito più di essere chiamato tuo figlio". Ma il padre disse ai suoi servi: "Presto! Tirate fuori la veste migliore e indossatela; mettetegli un anello al dito e dei sandali ai piedi. Portate il vitello che abbiamo ingrassato e uccidetelo; faremo una festa, una celebrazione, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita; era perduto ed è stato ritrovato". E cominciarono a festeggiare.

Il figlio maggiore era fuori nei campi e, tornando, quando si avvicinò alla casa, sentì musica e danze. Chiamò uno dei servi e gli chiese di cosa si trattasse. "È arrivato tuo fratello" rispose il servo "e tuo padre ha ucciso il vitello che avevamo ingrassato perché lo ha riportato sano e salvo". Allora si arrabbiò e si rifiutò di entrare, e suo padre uscì per supplicarlo; ma lui rispose al padre: "Guarda, per tutti questi anni ho lavorato come schiavo per te e non ho mai disobbedito ai tuoi ordini, eppure non mi hai mai offerto nemmeno un capretto per festeggiare con i miei amici. Ma, per questo tuo figlio, quando tornerà dopo aver inghiottito la tua proprietà - lui e le sue donne - ucciderai il vitello che stavamo ingrassando".

Il padre disse: "Figlio mio, tu sei sempre con me e tutto quello che ho è tuo. Ma è giusto che facciamo festa e ci rallegriamo, perché tuo fratello qui era morto ed è tornato in vita; era perduto ed è stato ritrovato"".

Riflessione su Sergei Prokofiev, Balletto, "L'Enfant Prodigue", scena finale

Clicca qui per vedere il video  -- guardare da 30:39 alla fine

Sergei Prokofiev (1891-1953) viveva a Parigi negli anni Venti, quando collaborò con l'impresario russo di balletti Sergei Diaghilev per una serie di balletti. "L'Enfant Prodigue", scritto nel 1929, precede di pochi mesi la morte di Diaghilev. Si tratta di un'opera breve, di poco più di 30 minuti, basata solo vagamente sulla storia biblica. La scena finale, però, in cui vediamo il Figliol Prodigo tornare alla casa paterna ed essere accolto amorevolmente dal padre, trasmette il cuore di questa grande storia.

Il mezzo del balletto può esprimere dimensioni di una storia che non sono facili da esprimere a parole. In questa scena finale, la vergogna del figlio che ritorna è sotto gli occhi di tutti, e l'accoglienza che gli viene riservata dai servi del padre contrasta nettamente con la derisione e l'inganno che aveva subito da parte dei suoi compagni di baldoria nelle scene precedenti. Mentre si avvicina al padre, vediamo il suo senso di indegnità, che supera gradualmente mentre viene accolto sempre più da vicino.

Pentimento e perdono: questo è il cuore del messaggio cristiano, espresso nel modo più bello in questa famosa parabola. Dio è sempre pronto ad accoglierci, proprio come fa il padre in questa storia, indipendentemente da quanto ci siamo allontanati. Nel suo amore per noi, ci dà la libertà, di cui a volte abusiamo; ma se lo facciamo, tutto ciò che serve è "tornare in sé" e tornare nel seno del padre. Egli ci aspetta sempre, pieno di misericordia e di compassione, desideroso di riconciliarsi con noi.

 

Riflessione scritta da Monsignor Philip Whitmore. È parroco della chiesa di St James, Spanish Place, nel centro di Londra. In precedenza ha vissuto per oltre 20 anni a Roma, lavorando prima in Vaticano e poi come rettore del Venerabile Collegio Inglese. Prima di diventare sacerdote, è stato uno storico della musica presso il Magdalen College di Oxford.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
5 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Caroline Spindlow
Membro
Caroline Spindlow(@cara)
16 giorni fa

Grazie per avermi fatto conoscere questo testo. È così toccante - cattura l'idea del padre ma, come sottolinea il prezioso commento, è molto diverso dalla mia interpretazione della storia biblica. Tanti spunti di riflessione.

Oi Lian Kon
Membro
Oi Lian Kon(@kairos712)
16 giorni fa

George Balanchine, il coreografo, sembra aver avuto in mente un padre diverso. Gesù descrive il padre del prodigo come se vedesse da lontano il figlio che ritornava: "Mentre era ancora lontano, suo padre lo vide e ne ebbe compassione"; ha corso e lo abbraccia, e lo ha baciato." Il Padre stravagante che perdona sempre.

marleen de vlieghere
Membro
marleen de vlieghere(@marleen)
16 giorni fa

Bellissimo!!! 🙏

Rya Lucas
Membro
Rya Lucas(@katteliekemeissie)
16 giorni fa

La tenerezza del Padre... nello stesso modo in cui il Padre mi ha riaccolto tra le sue braccia... Ora piango!!! Ti amo, mio Dio.

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
16 giorni fa
Rispondi a  Rya Lucas

Grazie Rya per questo messaggio così sentito e commovente. Sei sicuramente benedetta.

Letture correlate a Luca 15:1-32

24 giugno 2022

Luca 15:3-7

Solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù

4 novembre 2021

Luca 15:1-10

In cielo si gioirà per una ripetizione...

14 marzo 2020

Luca 15:1-3,11-32

Il Figliol Prodigo

6 marzo 2021

Luca 15:1-3,11-32

Il figliol prodigo

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

Passa al contenuto