La mano di Dio,
Dipinto da Kim Yongsung,
Olio su tela,
Dipinto nel 2008 circa
© Kim Yongsung, tutti i diritti riservati

La mano di Dio,
Dipinto da Kim Yongsung,
Olio su tela,
Dipinto nel 2008 circa
© Kim Yongsung, tutti i diritti riservati

Vangelo del 10 novembre 2019

Dio, non dei morti, ma dei vivi

Luca 20: 27-38

Alcuni Sadducei - coloro che dicono che non c'è resurrezione - si avvicinarono a Gesù e gli posero questa domanda: "Maestro, Mosè ha prescritto che se il fratello sposato di un uomo muore senza figli, l'uomo deve sposare la vedova per generare figli per suo fratello". Allora, c'erano sette fratelli. Il primo, dopo essersi sposato, morì senza figli. Il secondo e poi il terzo sposarono la vedova. E tutti e sette morirono senza lasciare figli. Infine, la donna stessa morì. Ora, alla risurrezione, di chi di loro sarà moglie, visto che era stata sposata con tutti e sette?".

Gesù rispose: "I figli di questo mondo prendono moglie e marito, ma quelli che sono giudicati degni di un posto nell'altro mondo e nella risurrezione dai morti non si sposano perché non possono più morire, perché sono uguali agli angeli, ed essendo figli della risurrezione sono figli di Dio". E Mosè stesso implica che i morti risorgono, nel passo del roveto dove chiama il Signore il Dio di Abramo, il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe. Ora egli è Dio, non dei morti, ma dei vivi; perché per lui tutti gli uomini sono di fatto vivi".

Riflessione sulla pittura

Ho sempre avuto difficoltà a comprendere appieno la lettura del Vangelo di oggi. Sì, si tratta delle porte della morte e di Gesù che ci dice che la vita è cambiata e non solo finita. Sì, si tratta del dono della nostra resurrezione personale, e la realizzazione di essa è esattamente ciò che dà senso a questa vita. Ma è una lettura difficile, a mio avviso. È proprio qui che risiede gran parte della bellezza del Vangelo. Come Dio si rivela lentamente, nel corso del tempo, così i Vangeli si rivelano a noi stessi solo lentamente. Ogni volta che ci addentriamo nelle stesse storie o negli stessi passaggi che abbiamo letto più e più volte, andiamo sempre più in profondità e ci viene rivelato sempre di più. Così forse tra un anno, o 5 anni, o anche 10 anni mi verrà rivelato il vero significato di questo passo. Ma va bene così, alcune cose richiedono tempo e ne sono grata. La bellezza non è sempre immediata. La bellezza che si rivela lentamente è un processo bellissimo in sé.

Quindi sì, la riflessione di oggi sarà breve. E vi lascio con un dipinto dell'artista coreano Kim Youngsung, intitolato "Il mondo".la mano di Diodi una vista che San Pietro avrebbe visto quando affondò mentre cercava di camminare sulle acque gridando "Signore, salvami!". Possiamo vedere la mano di Gesù che si rivela... e che si allunga nell'acqua per aiutare Pietro... Pietro voleva conoscere Cristo e lentamente gli è stata rivelata la vera natura di Cristo; lo stesso vale per noi, vogliamo conoscere Cristo pienamente, ma ci verrà rivelato solo lentamente, con il tempo, nella preghiera... con la mano di Gesù che si protende sempre verso di noi e ci guida...

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Obiettivo del donatore
Stabilite come obiettivo il numero totale di donatori.
0 Commenti
Si desidera visualizzare un messaggio personalizzato quando l'obiettivo viene chiuso?
Grazie a tutti i nostri donatori, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di raccolta fondi.

Letture correlate a Luca 20, 27-38

25 luglio 2020

Matteo 20:20-28

Festa di San Giacomo

24 aprile 2022

Giovanni 20:19-31

Le porte erano chiuse per paura

3 marzo 2021

Matteo 20:17-28

Gesù stava salendo a Gerusalemme

12 aprile 2020

Giovanni 20:1-9

Domenica di Pasqua

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica