La distruzione del Tempio di Gerusalemme,
Pittura di Francesco Hayez (1791-1882),
Olio su tela,
Dipinto nel 1867,
183 cm. di altezza, 252 cm. di larghezza,
© Gallerie dell'Accademia, Venezia, Italia

La distruzione del Tempio di Gerusalemme,
Pittura di Francesco Hayez (1791-1882),
Olio su tela,
Dipinto nel 1867,
183 cm. di altezza, 252 cm. di larghezza,
© Gallerie dell'Accademia, Venezia, Italia

Vangelo del 28 novembre 2023

La distruzione del Tempio predetta

Luca 21:5-11

Quando alcuni parlavano del Tempio, osservando come fosse ornato di belle pietre e di offerte votive, Gesù disse: "Verrà il tempo in cui, di tutte queste cose che ora ammirate, non rimarrà una sola pietra su un'altra: tutto sarà distrutto". Ed essi gli rivolsero questa domanda: "Maestro," dissero "quando avverrà questo, e quale segno ci sarà che questo sta per avvenire?".

Fate attenzione a non lasciarvi ingannare", disse Gesù, "perché molti verranno usando il mio nome e dicendo: "Io sono lui" e "Il tempo è vicino". Rifiutate di unirvi a loro. E quando sentirete parlare di guerre e rivoluzioni, non spaventatevi, perché questo è qualcosa che deve accadere, ma la fine non è così vicina". Poi disse loro: "Nazioni combatteranno contro nazioni e regni contro regni. Ci saranno grandi terremoti, pestilenze e carestie qua e là; ci saranno eventi spaventosi e grandi segni dal cielo".

Riflessione sulla pittura

Un bell'inizio per la nostra lettura e rilevante per noi, che siamo amanti dell'arte! Sentiamo parlare di Gesù e dei discepoli che ammirano l'arte e l'architettura del tempio: 'si sono soffermati su come fosse adornata di belle pietre e di offerte votive".. Devono essersi divertiti ad ammirare la magnificenza del tempio e dell'architettura circostante, i suoi intagli, i suoi dettagli. Il tempio doveva essere una delle "meraviglie del mondo" dell'epoca, per dirla in termini contemporanei. Ma il tempio per loro non era solo l'edificio in sé. Si trattava della presenza di Dio e del raduno delle persone al suo interno. Tuttavia, mentre Gesù ammirava e lasciava l'area del tempio per l'ultima volta prima della sua morte, profetizzò la distruzione di questo tempio.

Se ci concentriamo sull'atteggiamento dei discepoli, penso che mentre ammiravano la bellezza del tempio, una parte di loro pensava che questo tempio un giorno sarebbe stato il palazzo del loro Maestro, dove tutti avrebbero potuto e voluto essere promossi ad alte cariche. Così chiedevano a Gesù del loro futuro, ancora una volta da un punto di vista sbagliato ed egocentrico.

La profezia di Gesù si avverò: nel 70 d.C. le legioni romane guidate da Tito distrussero il Tempio, circa 37 anni dopo la morte e la risurrezione di Cristo. Tito cercò di salvare il tempio, ma i suoi soldati lo distrussero, realizzando così la profezia di Cristo. Quando il fuoco bruciò le opere d'arte e fuse gli oggetti d'oro, il metallo colò tra le pietre. Per arrivare all'oro, i soldati dovettero rimuovere le pietre una ad una, proprio come aveva predetto Gesù!...

Francesco Hayez ha dipinto questo grande quadro storico in modo molto vivace. L'artista, che viveva a Milano, fu uno dei principali esponenti del movimento romantico italiano, che celebrava importanti eventi storici e allegorie politiche, enfatizzando le emozioni e glorificando il passato. La distruzione del Tempio di Gerusalemme è un capolavoro dell'ultima attività del pittore. La sua realizzazione richiese 7 anni, dal 1860 al 1867. Decise di donare il dipinto all'Accademia di Venezia, dove aveva ricevuto la sua formazione artistica più di mezzo secolo prima. Il dipinto è ancora oggi conservato in quella sede. La composizione, di grande impatto visivo, raffigura la distruzione del tempio nel momento in cui la carneficina è al culmine. L'edificio è avvolto dalle fiamme e la furia distruttiva è al culmine.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Subscribe
Notify of
36 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Elvira
Membro
Elvira
2 mesi fa

"Quando oigáis hablar de guerras y revoluciones no os asustéis..." v9
Così come i primi cristiani videro la distruzione del Tempio (forse quando Lucas scrisse il suo evangelio era già stato distrutto) e si convinsero che la fine non era ancora giunta, anche noi oggi dobbiamo vivere in mezzo alle avversità: morte, distruzione, guerra..., oggi l'evangelio ci dice: no os asustéis

Elvira
Membro
Elvira
2 mesi fa
Rispondi a  Elvira

Mio Signore Dio, non ho idea di dove sto andando
Non vedo la strada davanti a me
Non posso sapere con certezza dove andrà a finire
Né conosco veramente me stesso
E il fatto che io pensi di seguire la vostra volontà non significa che
Che lo sto facendo davvero
Ma credo che il desiderio di compiacerti sia effettivamente tale.
E spero di avere questo desiderio in tutto ciò che faccio.
Spero di non fare mai nulla al di fuori di questo desiderio.
E so che, se lo faccio, mi condurrai sulla strada giusta.
Anche se non ne so nulla
Perciò mi fiderò sempre di te, anche se
Potrei sembrare smarrito e nell'ombra della morte
Non avrò paura, perché tu sei sempre con me
E non mi lascerai mai ad affrontare i miei pericoli da solo
Thomas Merton

Jamie Cardinal
Membro
Jamie Cardinal
2 mesi fa
Rispondi a  Elvira

Che preghiera straordinaria di Thomas Merton........ grazie per averla condivisa.
Un giorno leggerò la sua autobiografia "The Seven Storey Mountain"....... Ho sentito che è un libro meraviglioso.

Vorrei condividere una preghiera di San Tommaso d'Aquino:

La preghiera di San Tommaso d'Aquino
Concedimi, Signore mio Dio,
una mente per conoscerti,
un cuore che ti cerca,
saggezza per trovarvi,
condotta a voi gradita,
fedele perseveranza nell'attesa,
e la speranza di poterti finalmente abbracciare. Amen

Elvira
Membro
Elvira
2 mesi fa
Rispondi a  Jamie Cardinal

Amén

Jamie Cardinal
Membro
Jamie Cardinal
2 mesi fa
Rispondi a  Elvira

Matteo 14:
24 Intanto la barca, già a poche miglia al largo, era sballottata dalle onde, perché il vento era contrario.
25 Durante la quarta guardia della notte, venne verso di loro, camminando sul mare.
26 Quando i discepoli lo videro camminare sul mare, furono terrorizzati. "È un fantasma", dissero, e gridarono di paura.
27 Subito [Gesù] parlò loro: "Fatevi coraggio, sono io; non temete".

Jamie Cardinal
Membro
Jamie Cardinal
2 mesi fa

"Sono sempre con voi"

Matteo 28:
18 Allora Gesù si avvicinò e disse loro: "A me è stato dato ogni potere in cielo e in terra".
19 Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo,
20 insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo".

Sacro Cuore di Gesù prega per noi.

Cristo ci perdoni perché siamo sempre in guerra e torniamo ai nostri vili istinti.
"Tra lo stimolo e la risposta c'è uno spazio. In quello spazio c'è il nostro potere di scegliere la nostra risposta. Nella nostra risposta risiede la nostra crescita e la nostra libertà".
Viktor Frankl
Possano le persone...... e le nazioni...... elevarsi al di sopra dei nostri istinti malvagi e usare la ragione e i doni dello Spirito Santo per raggiungere la vera libertà.
Gesù ci ha scelti e ci ha dato il libero arbitrio.......... possiamo rispondere alla chiamata di Gesù.

Sacro Cuore di Gesù prega per noi.
Cuore Immacolato di Maria prega per noi.

Elvira
Membro
Elvira
2 mesi fa
Rispondi a  Jamie Cardinal

Amén

Mark Crain
Membro
Mark Crain
2 mesi fa

Al di sopra dell'orrore, della violenza e della crudeltà, Hayez dipinge tre angeli (in alto a sinistra). Mi hanno portato conforto in mezzo al caos.

Noelle Clemens
Membro
Noelle Clemens
2 mesi fa
Rispondi a  Mark Crain

Non riuscivo a capire cosa fossero, pensavo fossero corpi rotolanti, ma preferisco la tua interpretazione, Mark.

Andy Bocanegra
Membro
Andy Bocanegra
2 mesi fa

Questa lettura mi ha aiutato a riflettere sul fatto che in ogni chiesa cattolica, per quanto semplice o decorata, Cristo è sempre fisicamente presente nel tabernacolo. Cristo è presente anche nel suo popolo che lo adora. Le opere d'arte in ogni chiesa sono destinate ad essere un aiuto per avvicinarci a Gesù.

spazio per la grazia
Membro
spazio per la grazia
2 mesi fa

Si tratta di un dipinto epico, concepito proprio quando la fotografia e il cinema erano agli albori. Oggi, abituati come siamo a vedere filmati in tempo reale di catastrofi e guerre, è difficile entrare nella mentalità di un pubblico affamato di immagini come questa. Nella riflessione del Padre si accenna all'apprezzamento che abbiamo per l'arte e l'architettura e a come il nostro culto sia talvolta coinvolto in questo. Sono colpevole come tutti di aver cercato, un tempo, una bella chiesa per partecipare alla messa domenicale, credendo che fosse utile. Possiamo anche identificarci con i discepoli, ignari del fatto che Gesù è l'incarnazione fisica di tutto ciò che il tempio rappresenta, eppure sono presi dalla magnificenza della struttura. Mi viene in mente l'Ozymandias del poeta Shelley.

Tutti noi abbiamo quella "visione sbagliata ed egocentrica" a cui allude il Padre e non ho dubbi che avremo molti commenti diversi al riguardo. Questa è una cosa meravigliosa, la nostra diversità, ma dobbiamo anche ricordarci di mettere Dio al centro e quindi oggi lo cercherò in tutti voi!

Un'altra nota: ho iniziato a cercare le altre letture presentate oggi su Universalis. Il Vangelo ha il primato, ma si basa anche sulle altre letture, così oggi ho trovato questa del profeta Daniele:

Al tempo di questi re il Dio del cielo instaurerà un regno che non sarà mai distrutto, e questo regno non passerà nelle mani di un'altra razza: frantumerà e assorbirà tutti i regni precedenti, e durerà esso stesso per sempre - proprio come avete visto la pietra non toccata dalla mano rompersi dalla montagna e frantumare il ferro, il bronzo, la terracotta, l'argento e l'oro. Il grande Dio ha mostrato al re ciò che avverrà. '

Noelle Clemens
Membro
Noelle Clemens
2 mesi fa

Sono d'accordo, SfG, che altre letture sono utili, inoltre mi piacerebbe vedere ogni tanto un salmo qui.

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien
2 mesi fa
Rispondi a  Noelle Clemens

Sì, mi piace leggere i salmi, li trovo significativi.

Will Howard
Membro
Will Howard
2 mesi fa
Rispondi a  Noelle Clemens

Sì, sono perfettamente d'accordo per quanto riguarda le "altre letture e i salmi". E capisco perfettamente perché P. P. si limita e si concentra solo sul Vangelo. Ma naturalmente ci è permesso di collegare le cose al quadro generale. Come sacerdoti (e religiosi) preghiamo il salterio/breviario quotidiano che ci lega a una giornata piena di salmi e letture... che a volte diamo per scontato. Ma negli ultimi anni ho iniziato a cantarli - come devono essere, "cantati" - e questo fa la differenza. "La Parola deve cantare per noi... e noi per lei".

Le opere d'arte di oggi, molto "grandi", sono parallele alla meraviglia del Tempio... la cui pietra, il cui oro e le cui opere d'arte dovevano semplicemente aiutare/ispirare gli adoratori a una lode e a un canto così sentiti. Ma, naturalmente, più grande e più dorato, più glorioso e più ammaliante... arriva solo fino a un certo punto. Guardate la gloria della cristianità occidentale... e a cosa è arrivata oggi. L'abbondanza di pittura e di tela di Hayez era senza dubbio intesa a riflettere questa ironia. In realtà mi ricorda l'anteprima di un film di Brad Pitt che ho visto anni fa. Credo si chiamasse "Zombi", che fortunatamente non ho visto! Ricordo solo di aver visto una specie di castello murato e zombie che si riversavano su e giù per le sue mura - alla maniera di Hollywood. Sì, sto volutamente mescolando il sacro e il profano.

" Tuttavia, mentre Gesù ammirava e lasciava l'area del tempio per l'ultima volta...".

Hmmmm... Non ho mai pensato che Gesù "ammirasse" qualcosa in questo mondo in quanto tale - eccetto forse i "Bambini piccoli"... ma, buon per P. P., avrebbe potuto farlo. Piuttosto, credo di vederlo "guardare le vane ammirazioni dei suoi discepoli malaccorti - e sì, a proposito delle riflessioni di P. P.: tipiche dei loro desideri di potere "... un giorno la chiameremo casa nostra ... noi con gli altri capi". E non è forse a noi che Gesù rivolge un monito, nel nostro clericalismo, nella nostra criticità e nella nostra preoccupazione per il tempio - con i nostri corpi -: "Fate attenzione a non lasciarvi ingannare". 

Poiché le letture/scritture sono fin troppo profetiche - come si celebra soprattutto in questi giorni di pre-avvento - della natura apocalittica finale di tutto il culto del tempio terreno, dobbiamo chiederci perché. Perché Dio abbatte direttamente/indirettamente questi templi? È forse perché diventiamo così ZOMBIFICATI nella nostra fede da perdere di vista il vero significato di un tempio? E a sua volta, questa è la riflessione finale di Gesù: "troverò la fede al mio ritorno?".

Penso che sarebbe una disciplina molto "ammirevole", cioè veramente "ammirevole", per l'Avvento, riprendere il canto dei salmi... Lentamente, con passione, con il cuore.

Zeffi
Membro
Zeffi
2 mesi fa
Rispondi a  Will Howard

Forse la risposta alla sua domanda "Perché Dio abbatte direttamente/indirettamente questi templi?" è che c'è la tentazione di far slittare il significato delle parole "culto del tempio" da "culto *nel* tempio" a "culto *del* tempio", cioè una forma di idolatria.

Penso che lei abbia ragione sul valore spirituale del canto dei Salmi.

Elvira
Membro
Elvira
2 mesi fa
Rispondi a  Zeffi

Un po' di idolatria...,si

Antonio
Membro
Antonio
2 mesi fa
Rispondi a  Will Howard

Cantare i salmi è un modo meraviglioso di pregarli. Lei ha dato il desiderio a P. Will. Mi chiedo se altri parrocchiani vogliano cantare su ........

Elvira
Membro
Elvira
2 mesi fa
Rispondi a  Will Howard

Il Tempio, luogo sacro dell'incontro con Dios, si è trasformato in un luogo di divisione e discriminazione.
-entre sacerdotes y laicos
-entre hombres y mujeres
-entre puros e impuros
-entre judíos y gentiles
-entrare nella città e nel campo
A mio parere, per Gesù la distruzione del tempio rappresenta la fine dell'alleanza antigua, la fine di intendere la religione in forma legalista, farisea e culturale.
Y P. Will, hoy en día también es actual esta reflexión, yo creo

Will Howard
Membro
Will Howard
2 mesi fa
Rispondi a  Elvira

Sì Elvira ...

Templi e strutture
Leggi e istituzioni
Gerarchia e farisei rispettosi della legge,
Creare la dovuta identità e protezione
"Noi contro loro" .
Ma l'armatura e il sostegno di Cristo
Ma i legni sbozzati
Traverse in proporzione diametrale
Proclamare la fine di ogni decisione
Un'emancipazione dalle discriminazioni sempre presenti.

Zeffi
Membro
Zeffi
2 mesi fa

" Oggi, abituati come siamo a vedere filmati in tempo reale di catastrofi e guerre, è difficile entrare nella mentalità di un pubblico affamato di immagini come questa". Mi chiedo se il pubblico di Hayez fosse davvero "affamato" di immagini di morte e distruzione: stava vivendo i tumulti e le battaglie dell'Unità d'Italia, e la realtà della
Le guerre napoleoniche erano nella memoria delle persone più anziane. E c'era molto più sangue e sangue in quei combattimenti reali che in questa immagine così poco cruenta.

Noelle Clemens
Membro
Noelle Clemens
2 mesi fa

Non sono un grande amante della pittura storica e delle sue frequenti scene di distruzione e uccisioni su larga scala. Proprio ora questo dipinto presenta inquietanti parallelismi con gli eventi in Israele e Palestina: omicidi, caos e distruzione di città e paesi. Ma è solo la guerra più recente di secoli di guerre, violenza e annientamento di persone e luoghi. Eppure Gesù ci dice: "Non spaventatevi". E in Matteo 10:
"E non temete quelli che uccidono il corpo, ma non sono in grado di uccidere l'anima; temete piuttosto colui che è in grado di distruggere l'anima e il corpo nell'inferno". Quindi, la nostra paura ultima dovrebbe essere per la nostra anima, non per la nostra sicurezza fisica.
Per la nostra vita nel mondo, la fiducia è l'unico modo per affrontare la paura e l'ansia che ci assalgono così spesso:
Dite al Signore: "Mio rifugio e fortezza, mio Dio in cui confido"". Salmo 91. La fiducia è una cosa da bambini e spesso viene derisa, eppure è quella che la Bibbia ci dice essere l'unica Via, la fiducia nel nostro Signore Gesù Cristo.

spazio per la grazia
Membro
spazio per la grazia
2 mesi fa
Rispondi a  Noelle Clemens

La fiducia è fondamentale Noelle - la capacità di fidarsi viene solo da Dio, e possiamo solo pregare che ci aiuti a fidarci di più di Lui.

Noelle Clemens
Membro
Noelle Clemens
2 mesi fa

Che sia la nostra preghiera quotidiana, SfG.

Ultima modifica 2 mesi fa da Noelle Clemens
spazio per la grazia
Membro
spazio per la grazia
2 mesi fa
Rispondi a  Noelle Clemens

Lo faccio!

Elvira
Membro
Elvira
2 mesi fa
Rispondi a  Noelle Clemens

Unidos en oración

Antonio
Membro
Antonio
2 mesi fa
Rispondi a  Noelle Clemens

Può sembrare che le parole di Gesù si stiano avverando oggi, non lo sappiamo. Ma sappiamo che dobbiamo essere in pace, avere fiducia e pregare.
Grazie Noelle.

Noelle Clemens
Membro
Noelle Clemens
2 mesi fa
Rispondi a  Antonio

In effetti, non lo sappiamo. Una volta ho conosciuto una signora molto anziana che viveva in India quando il Krakatoa ha eruttato, il cielo è stato colorato in modo vivido per mesi dopo, anche così lontano, e molti hanno pensato che fosse la fine del mondo.....

Mark Crain
Membro
Mark Crain
2 mesi fa
Rispondi a  Noelle Clemens

La paura soffoca la fede.

Carol Heise
Membro
Carol Heise
2 mesi fa
Rispondi a  Mark Crain

Hai ragione, Mark... a volte ci fa questo effetto. Gesù ci dice di non avere paura. Quando lo ascoltiamo, le paure cominciano a diminuire. Prego per il meglio per voi.

spazio per la grazia
Membro
spazio per la grazia
2 mesi fa
Rispondi a  Mark Crain

Ben detto, grazie Mark!

Carol Heise
Membro
Carol Heise
2 mesi fa
Rispondi a  Noelle Clemens

Noelle... se vai sul sito di Universalis troverai tutte le letture, i salmi responsoriali, le ore e molto altro. In fondo alle letture della messa c'è il sito dell'arte cristiana. È così che ho trovato questo sito. È così che inizio ogni giorno. Universalis è così meraviglioso! Ti dà tutto quello che vuoi.

Noelle Clemens
Membro
Noelle Clemens
2 mesi fa
Rispondi a  Carol Heise

Grazie, Carol.

Jamie Cardinal
Membro
Jamie Cardinal
2 mesi fa
Rispondi a  Noelle Clemens

Grazie Noelle......Psalm 91 è così bello.

"Poiché si aggrappa a me, lo libererò;
perché conosce il mio nome, lo porrò in alto.
Mi chiamerà e io risponderò;
Sarò con lui nell'angoscia;
Lo libererò e gli darò onore.
Con la lunghezza dei giorni lo accontenterò,
e riempirlo della mia forza salvifica".

Gesù, confido in Te.
Divina Misericordia perdona i nostri peccati.
Divina Misericordia prega per noi.

Noelle Clemens
Membro
Noelle Clemens
2 mesi fa
Rispondi a  Jamie Cardinal

Promessa meravigliosa, Jamie: "Lo riempirò con la mia forza di salvezza".

Antonio Portelli
Membro
Antonio Portelli
2 mesi fa

Signore mio Dio, in te mi rifugio, salvami e liberami da tutti quelli che mi perseguitano (Salmo 7:1)

spazio per la grazia
Membro
spazio per la grazia
2 mesi fa
Rispondi a  Antonio Portelli

Amen

Letture correlate a Luca 21:5-11

22 novembre 2022

Luca 21:5-11

Festa di Santa Cecilia

27 novembre 2021

Luca 21:34-36

State attenti, o i vostri cuori saranno rozzi...

24 novembre 2020

Luca 21:5-11

Ci saranno grandi terremoti, piaghe e fa...

24 novembre 2021

Luca 21:12-19

La vostra resistenza vi salverà la vita

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 70.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la nostra riflessione sull'arte.

Skip to content