Cristo che cade sotto la croce,
Scultura di Alessandro Algardi, italiano (1598-1654),
Scolpito intorno al 1650,
Bronzo
©Galleria d'arte dell'Università di Yale

Cristo che cade sotto la croce,
Scultura di Alessandro Algardi, italiano (1598-1654),
Scolpito intorno al 1650,
Bronzo
©Galleria d'arte dell'Università di Yale

Vangelo dell'8 aprile 2022

La Via Crucis - Stazione 7: Gesù cade la seconda volta

Luca 23:34

Gesù disse: "Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno".

E tirarono a sorte per dividere le sue vesti.

Riflessione sulla scultura di bronzo

Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo

Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

 

Mio Gesù, cadi per la seconda volta. Vedo solo te in questa scultura: nessuna distrazione di folla, urla o caos generale nelle strade di Gerusalemme. Ci sei solo tu, isolato, solo... esattamente come devi esserti sentito: solo. Le tue ore buie mi ricordano che ci sono delle strade che anch'io devo percorrere da solo.

Sei inciampato su quella strada di ciottoli, la tua mano sinistra cercava di trovare un sostegno. Quella pietra a cui ti stai aggrappando sembra l'unico sostegno che hai... tale era il tuo senso di abbandono e di isolamento. Ma per me è diverso: ogni volta che mi trovo in un luogo solitario, so che ci sei tu! Non devo sentirmi solo, perché tu sei lì accanto a me ad ogni passo.

Presto sarai su quella croce, solo, gridando parole di totale abbandono "Eloi, Eloi, Lama sabachthani" o "Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato? Picchiato, coronato di spine, sanguinante oltre il riconoscimento... TU eri solo... Non io, perché tu sei con me...

 

Padre nostro, che sei nei cieli...

Ave Maria, piena di grazia...

Gloria al Padre e al Figlio...

 

Lettura normale del Vangelo del giorno: Giovanni 10, 31-42:

I Giudei presero di nuovo delle pietre per lapidarlo. Gesù rispose: "Vi ho mostrato molte opere buone del Padre. Per quale di queste mi lapiderete?". I Giudei risposero: "Non è per un'opera buona che ti lapidiamo, ma per blasfemia, perché tu, pur essendo solo un essere umano, ti fai Dio". Gesù rispose: "Non sta forse scritto nella vostra legge: "Ho detto: voi siete dèi"? Se coloro ai quali è giunta la parola di Dio sono stati chiamati 'dèi' - e la Scrittura non può essere annullata - puoi dire che colui che il Padre ha santificato e mandato nel mondo bestemmia perché ho detto: 'Io sono il Figlio di Dio'? Se non faccio le opere del Padre mio, allora non credetemi. Ma se le faccio, anche se non mi credete, credete alle opere, affinché sappiate e comprendiate che il Padre è in me e io sono nel Padre". Allora cercarono di arrestarlo di nuovo, ma egli sfuggì dalle loro mani. Se ne andò di nuovo oltre il Giordano, nel luogo dove Giovanni aveva battezzato prima, e rimase lì. Molti vennero da lui, e dicevano: "Giovanni non ha compiuto alcun segno, ma tutto ciò che Giovanni ha detto di quest'uomo è vero". E lì molti credettero in lui.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Letture relative a Luca 23:34

24 novembre 2019

Luca 23:35-43

Festa di Cristo Re

24 marzo 2021

Luca 23:26

Le stazioni della Via Crucis - Stazione 5: Simone di...

9 aprile 2022

Luca 23: 28-31

La Via Crucis - Stazione 8: Gesù me...

26 marzo 2021

Luca 23:34

La Via Crucis - Stazione 7: Gesù fa...

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica