La cena di Emmaus,
Disegno di Giovanni Antonio Guardi (1699-1760),
Disegnato intorno al 1750,
Penna e inchiostro marrone e lavaggio su gesso nero
© Sotheby's New York, Da Taddeo a Tiepolo: The Dr. John O'Brien Collection of Old Master Drawings, 27 gennaio 2021, lotto 237, venduto $69,000

La cena di Emmaus,
Disegno di Giovanni Antonio Guardi (1699-1760),
Disegnato intorno al 1750,
Penna e inchiostro marrone e lavaggio su gesso nero
© Sotheby's New York, Da Taddeo a Tiepolo: The Dr. John O'Brien Collection of Old Master Drawings, 27 gennaio 2021, lotto 237, venduto $69,000

Vangelo del 20 aprile 2022

Lo riconobbero allo spezzare del pane

Luca 24:13-35

Due discepoli di Gesù erano in viaggio verso un villaggio chiamato Emmaus, a sette miglia da Gerusalemme, e stavano parlando insieme di tutto quello che era successo. Ora, mentre discutevano, Gesù stesso si avvicinò camminando al loro fianco; ma qualcosa impediva loro di riconoscerlo. Egli disse loro: "Di che cosa discutete mentre camminate?". Essi si fermarono brevemente, i loro volti tristi.

Allora uno di loro, chiamato Cleofa, gli rispose: "Devi essere l'unica persona che sta a Gerusalemme a non sapere le cose che vi sono accadute in questi ultimi giorni". Quali cose?' chiese lui. Tutto su Gesù di Nazareth", risposero, "che ha dimostrato di essere un grande profeta con le cose che ha detto e fatto agli occhi di Dio e di tutto il popolo; e come i nostri sommi sacerdoti e i nostri capi lo hanno consegnato per essere condannato a morte e lo hanno fatto crocifiggere. La nostra speranza era che fosse lui a liberare Israele. E non è tutto: sono passati due giorni interi da quando tutto è successo; e alcune donne del nostro gruppo ci hanno sorpreso: sono andate al sepolcro la mattina presto, e quando non hanno trovato il corpo, sono tornate per dirci che avevano avuto una visione di angeli che dichiaravano che era vivo. Alcuni dei nostri amici sono andati alla tomba e hanno trovato tutto esattamente come le donne avevano riferito, ma lui non l'hanno visto".

Poi disse loro: "Voi, uomini stolti! Così lenti a credere al pieno messaggio dei profeti! Non era forse stato ordinato che il Cristo dovesse soffrire ed entrare così nella sua gloria? Poi, cominciando da Mosè e passando attraverso tutti i profeti, spiegò loro i passaggi delle Scritture che riguardavano se stesso.

Quando si avvicinarono al villaggio in cui erano diretti, egli fece come se volesse proseguire, ma essi lo spinsero a rimanere con loro. E' quasi sera" dissero "e il giorno è quasi finito". Così entrò per rimanere con loro. Ora, mentre era a tavola con loro, prese il pane e lo benedisse; Poi lo spezzò e lo diede loro. Allora i loro occhi si aprirono e lo riconobbero; Ma egli era scomparso dalla loro vista. Allora si dissero l'un l'altro: "Non ci ardeva forse il cuore quando ci parlava lungo la strada e ci spiegava le scritture?

Partirono in quell'istante e tornarono a Gerusalemme. Lì trovarono gli Undici riuniti con i loro compagni, e dissero loro: "Sì, è vero. Il Signore è risorto ed è apparso a Simone". Poi raccontarono la loro storia di ciò che era accaduto sulla strada e di come lo avevano riconosciuto allo spezzare del pane.

Riflessione sul disegno del Vecchio Maestro

Il disegno di oggi di Giovanni Antonio Guardi cattura splendidamente la natura mistica dello spezzare il pane. Usando inchiostro marrone, penna, matita e acquerello, Guardi fa quasi sfarfallare la luce sulla superficie, dando al foglio di carta una qualità luminosa. Questo è uno studio per una pala d'altare che Guardi fu commissionato a Venezia, dove, a metà del 18° secolo, c'era una domanda insaziabile di dipinti a soggetto religioso. Vediamo Gesù, circondato da un'esplosione di luce, che viene riconosciuto dai due discepoli. Come nella nostra lettura del vangelo di oggi 'i loro occhi si aprirono e lo riconobbero'.

In questo mercoledì di Pasqua ci viene raccontato che i due discepoli si allontanarono da Gerusalemme. Si allontanarono dal dolore e dalla delusione che Gerusalemme aveva portato loro. Erano affranti. La città aveva ucciso il loro amico, Gesù, e con esso aveva ucciso le loro speranze. È proprio in quel momento di delusione e disillusione che Gesù camminò con loro. Camminava con questi due discepoli per mostrare loro che Gerusalemme non era solo il luogo della sua crocifissione e morte... ma anche dove era risorto dai morti.

Nella nostra vita, spesso vogliamo allontanarci da luoghi e situazioni che ci hanno portato delusioni e difficoltà. Sentiamo di voler chiudere tali capitoli della nostra vita. Mi sembra giusto. Ma questi luoghi o situazioni di delusione non sono proprio i luoghi dove si trovano i semi della speranza e della vita fresca? Gesù viaggia con noi nei nostri momenti di difficoltà... e ci fa vedere che una situazione passata che sperimentiamo come negativa può essere in realtà il seme stesso di una nuova vita.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
3 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
3 mesi fa

Incredibile come si possa trasmettere così tanto in così pochi tratti. Magistrale.
Quando "il nostro cuore arde in noi" alle sue parole, sappiamo di credere nella risurrezione. Alleluia.

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
3 mesi fa

Un bel disegno. Mi chiedo se avesse mai visto il famoso dipinto di Caravaggio dello stesso soggetto?
Consiglio vivamente una visita alla mostra di Raffaello alla National Gallery. Questi dipinti religiosi sono molto più ricchi da guardare se si è credenti!

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
3 mesi fa
Rispondi a  Charles Marriott

Sei stato allora? Ho sentito che è incredibile... ci andrò presto. Benedizioni pasquali, Charles.

Letture relative a Luca 24:13-35

15 aprile 2020

Luca 24:13-35

Lo riconobbero allo spezzare del pane

30 maggio 2019

Luca 24: 46-53

È stato portato in cielo

16 aprile 2022

Luca 24: 1-12

Sabato Santo

7 aprile 2021

Luca 24:13-35

Prese il pane e disse la benedizione

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica