Il battesimo di Cristo,
Pittura di Giovanni Baronzio (attivo intorno al 1320-1350),
Dipinto intorno al 1335,
Tempera su pannello
© Galleria Nazionale d'Arte, Washington

Il battesimo di Cristo,
Pittura di Giovanni Baronzio (attivo intorno al 1320-1350),
Dipinto intorno al 1335,
Tempera su pannello
© Galleria Nazionale d'Arte, Washington

Vangelo del 15 dicembre 2022

Il più piccolo nel regno di Dio è più grande di Giovanni

Luca 7:24-30

Quando i messaggeri di Giovanni se ne furono andati, Gesù cominciò a parlare al popolo di Giovanni. Cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna che ondeggia nella brezza? No? Allora cosa siete usciti a vedere? Un uomo vestito con abiti eleganti? Oh no, quelli che si vestono bene e vivono in modo lussuoso si trovano a corte! Allora cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, ve lo dico io, e molto più di un profeta: è colui di cui la Scrittura dice:

Vedete, sto per mandare il mio messaggero davanti a voi;

preparerà la strada davanti a voi.

Io vi dico che tra tutti i figli nati da donna, non c'è nessuno più grande di Giovanni; eppure il più piccolo nel regno di Dio è più grande di lui. Il popolo che lo ascoltava e anche gli esattori delle tasse, riconobbero il piano di Dio accettando il battesimo da Giovanni; ma i farisei e gli uomini di legge, rifiutando il battesimo da lui, vanificarono ciò che Dio aveva in mente per loro".

Riflessione sulla pittura

Nella nostra lettura del Vangelo, Gesù sta tessendo le lodi di Giovanni Battista. Gesù arriva a dire che nessuno nato da una donna è più grande di Giovanni Battista. Che complimento! Tuttavia, Gesù prosegue subito dichiarando che il più piccolo nel regno di Dio è più grande di Giovanni Battista. Gesù sapeva che Giovanni non sarebbe vissuto per assistere all'intero ministero pubblico di Gesù, alla sua passione, crocifissione, morte, risurrezione e ascensione, che hanno portato alla discesa dello Spirito Santo e alla nascita della nostra Chiesa. Quindi Gesù fa una chiara distinzione tra i tempi "prima di Cristo" e "dopo Cristo".

Poiché ora viviamo tutti nel periodo dopo Cristo, possiamo gioire e beneficiare delle benedizioni che sono arrivate attraverso la passione, la crocifissione, la morte, la risurrezione e l'ascensione di Gesù e la piena presenza dello Spirito Santo. La lettura di oggi invita a prendere coscienza del vero privilegio che abbiamo per il fatto che Cristo è venuto prima di noi, e delle grazie che ne derivano.

Così come San Giovanni versò le acque battesimali su Gesù, ora Gesù versa la sua grazia su di noi, ogni giorno. Il nostro dipinto del 1335 circa, opera di Giovanni Baronzio, mostra San Giovanni che battezza Cristo nel fiume Giordano mentre due angeli guardano, uno dei quali tiene in mano un ricco mantello di seta, pronto ad avvolgere Cristo. Immerso fino ai fianchi nell'acqua, Cristo inclina la testa verso Giovanni, che lo raggiunge dalle sponde rocciose del fiume, tenendo un bastone nella mano sinistra. Si noti l'accurata e splendida decorazione e punzonatura del fondo oro.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Subscribe
Notify of
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien
1 anno fa

Un dipinto squisito, con i meravigliosi dettagli lavorati che Patrick ha menzionato.
Stranamente, ho avuto una discussione con un amico su questa frase del Vangelo di oggi! Gesù dà a Giovanni un riconoscimento, ma lo segue immediatamente con "il più piccolo nel regno è più grande di lui". La mia interpretazione era un po' come la parabola del proprietario del terreno che pagava allo stesso modo chi iniziava a lavorare all'undicesima ora e chi iniziava presto. Per me significa che nel Regno nessuno ha una posizione, tranne Dio. Tutti gli altri sono uguali, cioè salvati.
Non era convinta!

Andy Bocanegra
Membro
Andy Bocanegra
1 anno fa
Rispondi a  Patricia O'Brien

Capisco il suo punto di vista. In cielo c'è una vera umiltà, quindi non c'è competizione per la posizione o invidia. Quindi, in sostanza, tutti in un certo senso sono uguali. Tuttavia, qui sulla Terra ci piacciono le classifiche. Quindi, io continuerei a classificare la nostra Madre come il più alto dei santi, seguito da San Giuseppe e San Giovanni Battista.

marleen de vlieghere
Membro
marleen de vlieghere
1 anno fa

Non ci rendiamo conto di quanto siamo fortunati noi cristiani.

Antonio
Membro
Antonio
1 anno fa

C'è così tanta bellezza là fuori. A volte mi sento quasi sopraffatta.

Antonio
Membro
Antonio
1 anno fa

Deacon Patrick, potresti spiegare lo sfondo "punzonato" per favore?

Antonio
Membro
Antonio
1 anno fa

Grazie, ho visto questo effetto una o due volte, ma solo in libri che non danno un quadro veramente chiaro, o lo evidenziano e lo spiegano. Ma non sapevo come si ottenesse. Pensavo che si trattasse di vernice o foglia d'oro su uno sfondo esistente.

spazio per la grazia
Membro
spazio per la grazia
1 anno fa

Un altro quadro squisito per iniziare la giornata! Grazie Patrick.

Chazbo M
Membro
Chazbo M
1 anno fa

Preraffaello: quanto possono essere belli questi semplici dipinti. Questa sera io e i miei amici andremo a mangiare il curry in un eccellente ristorante pakistano. È un ristorante islamico, quindi non è permesso bere alcolici, il che è curiosamente liberatorio!
Che cosa ha a che fare con Dio, con il Battista o con le imminenti festività natalizie?

spazio per la grazia
Membro
spazio per la grazia
1 anno fa
Rispondi a  Chazbo M

Non ha forse tutto a che fare con Dio? Spero che il curry vi piaccia!

Letture correlate a Luca 7:24-30

16 settembre 2021

Luca 7:36-50

Versa lacrime sui piedi di Gesù

2 novembre 2019

Luca 7, 11-17

Non piangere", disse alla vedova di Nain.

16 settembre 2020

Luca 7:31-35

Quale descrizione posso trovare per le persone di...

20 settembre 2023

Luca 7:31-35

Sono come bambini che gridano

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 70.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la nostra riflessione sull'arte.

Skip to content