L'Oratorio di Pasqua fu composto da J.S.Bach a Lipsia e la Chiesa di San Tommaso (illustrata) fu il luogo in cui l'Oratorio di Pasqua fu eseguito per la prima volta il 1° aprile 1725. Il retro era il Kapellmeister (direttore musicale) dal 1723 fino alla sua morte nel 1750.

Fare clic qui per vedere il video

L'Oratorio di Pasqua fu composto da J.S.Bach a Lipsia e la Chiesa di San Tommaso (illustrata) fu il luogo in cui l'Oratorio di Pasqua fu eseguito per la prima volta il 1° aprile 1725. Il retro era il Kapellmeister (direttore musicale) dal 1723 fino alla sua morte nel 1750.

Fare clic qui per vedere il video

Vangelo del 16 settembre 2022

Le donne che accompagnavano Gesù

Luca 8:1-3

Gesù attraversava città e villaggi predicando e annunciando la Buona Novella del Regno di Dio. Con lui andavano i Dodici e alcune donne che erano state guarite da spiriti maligni e da malattie: Maria detta la Maddalena, dalla quale erano usciti sette demoni, Giovanna, moglie di Cusa, l'intendente di Erode, Susanna e diverse altre che provvedevano a loro con le proprie risorse.

"Saget, saget mir geschwinde" dall'Oratorio di Pasqua di J.S. Bach

Fare clic qui per vedere il video

 

L'Oratorio di Pasqua di J.S. Bach, composto nel 1725, assegna un ruolo speciale a Maria Maddalena. Il Vangelo di oggi racconta come Maria sia stata salvata da sette demoni, dopodiché ha seguito fedelmente Gesù durante la sua vita terrena. L'Oratorio di Pasqua la presenta alla ricerca di Gesù, che la sua anima ama, dopo la sua morte sulla croce. A questo punto, si aspetta di trovare solo il suo corpo. Immaginate la sua gioia quando invece trova Gesù risorto!

L'aria "Saget, saget mir geschwinde" riguarda Maria che chiede dove sia il corpo. Come molte arie di quel periodo, ha una sezione centrale contrastante, dopo la quale viene ripetuta la prima parte. La sezione centrale esplora le emozioni di Maria che soffre per l'assenza di Gesù - si sente orfana e indigente. Nel corso dell'aria, un bellissimo oboe solista duetta con Maria, facendo eco ai suoi pensieri e alle sue preghiere senza parole.

È sorprendente come il Vangelo di oggi metta in evidenza il ruolo delle donne tra i seguaci di Gesù. Sappiamo che furono loro a stargli accanto sulla strada del Calvario. Tutti noi possiamo imparare dalla fedeltà di quelle donne. Maria Maddalena, in particolare, ha mostrato una toccante devozione alla persona di Gesù, per cui sembra giusto e corretto che sia stata una delle prime a vederlo dopo la sua risurrezione. Sapeva quanto doveva a Gesù, lo amava profondamente e la sua incrollabile fedeltà fu riccamente ricompensata.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
1 Commento
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
11 giorni fa

Non si può battere Bach. Adoro gli strumenti a fiato in questo brano.
Sì, Maria Maddalena è stata una che è stata "perdonata molto".

Letture correlate a Luca 8:1-3

20 settembre 2021

Luca 8:16-18

Nessuno accende una lampada per coprirla con una ciotola

24 settembre 2019

Luca 8, 19-21

Mia madre e i miei fratelli sono quelli che sentono...

18 settembre 2020

Luca 8:1-3

Le donne che accompagnavano Gesù

22 settembre 2020

Luca 8:19-21

Mia madre e i miei fratelli sono quelli che sentono...

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

Passa al contenuto