San Francesco d'Assisi esegue un esorcismo su una donna,
Illustrazione da Vita e miracoli di san Francesco d'Assise,
Miniatura dipinta su pergamena,
Eseguito nel 1480 circa
© Bibliothèque nationale de France, NAF 28640

San Francesco d'Assisi esegue un esorcismo su una donna,
Illustrazione da Vita e miracoli di san Francesco d'Assise,
Miniatura dipinta su pergamena,
Eseguito nel 1480 circa
© Bibliothèque nationale de France, NAF 28640

Vangelo del 14 gennaio 2020

Insegnava loro con autorità

Marco 1:21-28

Gesù e i suoi discepoli si spinsero fino a Cafarnao e, appena giunto il sabato, si recò nella sinagoga e cominciò a insegnare. E il suo insegnamento li colpì profondamente perché, a differenza degli scribi, insegnava loro con autorità.

Proprio in quel momento nella loro sinagoga c'era un uomo posseduto da uno spirito immondo che gridava: "Che cosa vuoi da noi, Gesù di Nazareth? Sei venuto a distruggerci? Io so chi sei: il Santo di Dio". Ma Gesù disse bruscamente: "Taci! Esci da lui!". E lo spirito immondo gettò l'uomo nelle convulsioni e con un forte grido uscì da lui. La gente era così stupita che cominciò a chiedersi l'un l'altro cosa significasse tutto questo. Ecco un insegnamento nuovo" dicevano "e con autorità dietro di esso: dà ordini anche agli spiriti immondi ed essi gli obbediscono". E la sua fama si diffuse rapidamente ovunque, in tutta la campagna galileiana circostante.

Riflessione sulla miniatura gotica miniata

Ieri abbiamo discusso di come Gesù fosse fondamentalmente molto diverso dai rabbini. Nella lettura di oggi Marco fa un ulteriore passo avanti. Marco scrive che Gesù insegnava con autorità. Gesù non si limitava a interpretare le leggi, ma insegnava con autorità. Questo era diverso dagli scribi o dai rabbini, il cui insegnamento dipendeva da ciò che altri avevano detto o scritto prima di loro. Gesù insegnava con autorità: il suo proprio autorità. Questa autorità lo portava anche a scacciare i demoni, come descritto nel brano di oggi. Tali esorcismi sono una testimonianza della vittoria finale del Regno di Dio sul male e sulla morte.

Siamo ancora nel primo capitolo di Marco. Perché Marco racconta questo episodio all'inizio del suo Vangelo? Marco vuole dare il tono e far capire che Gesù è venuto per guarire. Gesù, fin dall'inizio del suo ministero, ha rivelato come il dono della potenza di Cristo deve essere rivelato: non nel dominio, ma nella guarigione! Scacciare i demoni fa parte di questa guarigione.

La pagina manoscritta gotica miniata su pergamena raffigura San Francesco d'Assisi che esorcizza una donna. Il diavolo nero alato esce dalla bocca della donna. Sullo sfondo è raffigurata Assisi. Mi piace il modo in cui è rappresentato l'esorcismo. È un modo molto semplice, ma molto efficace, di mostrare ciò che accade, in un'unica illustrazione. Proprio come Gesù, San Francesco e molti altri santi hanno parlato con coraggio, saggezza e... autorità amorevole e premurosa...

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Letture correlate a Marco 1:21-28

13 gennaio 2021

Marco 1:29-39

Gesù andò in un luogo solitario e pregò

16 gennaio 2020

Marco 1:40-45

Sentendosi dispiaciuto per lui, Gesù lo toccò

13 gennaio 2022

Marco 1:40-45

La lebbra lo lasciò subito e fu guarito

6 dicembre 2020

Marco 1:1-8

Giovanni Battista apparve nel deserto

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica