San Francesco in meditazione,
Dipinto da Francisco de Zurbarán (1598-1664),
Dipinto tra il 1635-39,
Olio su tela
© Galleria Nazionale, Londra

 

San Francesco in meditazione,
Dipinto da Francisco de Zurbarán (1598-1664),
Dipinto tra il 1635-39,
Olio su tela
© Galleria Nazionale, Londra

 

Vangelo del 12 gennaio 2022

Se ne andò in un luogo solitario e pregò lì.

Marco 1:29-39

Uscendo dalla sinagoga, Gesù andò con Giacomo e Giovanni direttamente a casa di Simone e Andrea. Ora la suocera di Simone si era messa a letto con la febbre, e gliene parlarono subito. Egli andò da lei, la prese per mano e la aiutò ad alzarsi. E la febbre la lasciò ed ella cominciò a servirli.

Quella sera, dopo il tramonto, portarono da lui tutti i malati e coloro che erano posseduti dai demoni. Tutta la città si accalcò intorno alla porta, ed egli guarì molti che soffrivano di malattie di un tipo o di un altro; scacciò anche molti demoni, ma non permise loro di parlare, perché sapevano chi era.

La mattina, molto prima dell'alba, si alzò e lasciò la casa, andò in un luogo solitario e pregò lì. Simone e i suoi compagni si misero a cercarlo e quando lo trovarono dissero: "Tutti ti cercano". Egli rispose: "Andiamo altrove, nelle città di campagna vicine, così che io possa predicare anche lì, perché è per questo che sono venuto". E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demoni.

Riflessione sulla pittura

La lettura del Vangelo di oggi contiene uno dei miei versi preferiti di tutte le letture evangeliche:Al mattino, molto prima dell'alba, si alzò, uscì di casa, si recò in un luogo solitario e lì pregò.'. Queste poche parole rivelano quanto fosse importante la preghiera per Gesù. Tutto ciò che faceva scaturiva dal tempo trascorso da solo con il Padre. Poco prima della frase citata, la nostra lettura del Vangelo mostra quanto Gesù fosse un uomo impegnato: guarire, stare con i malati, scacciare i demoni, radunare le folle intorno a sé, ecc... Poi Marco riporta tutto alla sua essenza: la preghiera. Il segreto del ministero di Gesù è il suo ritirarsi in un luogo solitario per meditare. In mezzo a tutta l'azione, la solitudine alimenta tutto. 

Un dipinto suggestivo, che riflette la preghiera e la solitudine, è questa tela di Francisco de Zurbarán. Raffigura San Francesco inginocchiato in meditazione, con le mani giunte e un teschio in mano. Il suo volto è appena visibile. Indossa l'abito marrone dell'Ordine Francescano, da lui fondato nel XIII secolo; il suo aspetto rattoppato e logoro trasmette il voto di povertà fatto da tutti i frati dell'ordine. 

Si tratta di un dipinto intensamente spirituale. Non c'è nulla nel dipinto che distragga l'osservatore. I colori semplici, la tavolozza restrittiva e lo sfondo semplice ci aiutano a partecipare alla meditazione di San Francesco. Le sue mani con le stimmate (che si ritiene Francesco abbia ricevuto nel 1224 durante un ritiro sul monte Alverna, negli Appennini) sono quelle più illuminate dell'intero dipinto. Sia Gesù nella nostra lettura odierna che San Francesco nel nostro dipinto si ritiravano in luoghi solitari per pregare. La solitudine nel Signore nutriva le loro anime. 

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Letture relative a Marco 1:29-39

13 gennaio 2021

Marco 1:29-39

Gesù andò in un luogo solitario e pregò

11 gennaio 2021

Marco 1:14-20

Vi farò diventare pescatori di uomini

15 gennaio 2020

Marco 1:29-39

Molto prima dell'alba si alzò per pregare

14 gennaio 2021

Marco 1:40-45

Un lebbroso venne da Gesù e supplicò

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

Passa al contenuto