Il Trono di Dio,
Pittura di Suor Gertrude Morgan (1900-1980),
Eseguito nel 1968
Oli e pastelli su tela
© Christian Art

Il Trono di Dio,
Pittura di Suor Gertrude Morgan (1900-1980),
Eseguito nel 1968
Oli e pastelli su tela
© Christian Art

Vangelo del 23 gennaio 2024

Tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle sono fuori

Marco 3:31-35

Arrivarono la madre e i fratelli di Gesù e, rimasti all'esterno, inviarono un messaggio per chiedere di lui. Una folla era seduta intorno a lui quando ricevette il messaggio."Tua madre e i tuoi fratelli e sorelle sono fuori e chiedono di te". Egli rispose: "Chi sono mia madre e i miei fratelli?". E guardando quelli che sedevano in cerchio intorno a lui, disse: "Ecco mia madre e i miei fratelli. Chiunque faccia la volontà di Dio, è mio fratello, mia sorella e mia madre".

Riflessione sulla pittura

Il brano evangelico di oggi è una lettura piuttosto scomoda all'inizio. Sembra che Gesù stia in qualche modo ignorando la sua famiglia. Ma naturalmente non è così. La sua famiglia è descritta due volte in questo breve brano come "esterna". Sono infatti fisicamente fuori dall'edificio in cui si trovava Gesù. In questo senso sono "estranei". Ciò implica che coloro che sono seduti in cerchio con Gesù sono "dentro", gli addetti ai lavori. Il punto che Gesù sta facendo qui è semplicemente che essere "dentro" non è solo una questione di luogo, ma di relazione. Anche questa relazione non è di sangue. La relazione per essere "dentro" è seguire e impegnarsi con Gesù. Essere cristiani significa entrare in una nuova famiglia, una famiglia più grande, legata da forti vincoli, unita in Cristo.

Nel mondo dell'arte, nel corso degli anni, ho sentito spesso parlare di alcuni artisti come di "outsider". Il termine "outsider" nelle arti ha una connotazione sia positiva che negativa. In senso positivo può significare che l'artista ha una certa vena ribelle, un'avversione al mainstream, che viene poi celebrata. Ma in senso negativo, essere un outsider può anche significare che l'artista viene snobbato dalle gallerie mainstream, dai critici d'arte e dai collezionisti. Gli artisti outsider non fanno parte della cerchia ristretta, che a volte può essere elitaria.

Un buon esempio di "outsider" è Suor Gertrude Morgan, che ha dipinto tra il 1940 e il 1980, nel suo modo unico e non convenzionale. Dipingeva semplicemente queste belle tele di arte popolare e innocente, che all'epoca erano ampiamente rifiutate. Era al di fuori del mondo dell'arte, eppure era una vera "insider" di Gesù, che muoveva il suo pennello per la sua gloria...

Poiché siamo fratelli e sorelle adottivi di Gesù, il suo Padre celeste è il nostro Padre celeste, e chiamiamo anche la madre di Gesù come nostra madre. Come chiesa, abbiamo il privilegio di essere membri di una famiglia molto speciale!

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Subscribe
Notify of
45 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Jamie Cardinal
Membro
Jamie Cardinal
5 mesi fa

Suor Gertrude Morgan (sintesi dalle collezioni del Louisiana State Museum):
Americano, 1900-1980

Gertrude Williams è nata a Lafayette, in Alabama, nel 1900. Si trasferì a Columbus, in Georgia, nel 1918 e sposò Will Morgan nel 1928. Morgan iniziò a predicare nel 1934. Cinque anni dopo, credendo di essere chiamata da Dio a diventare un ministro di strada, lasciò il marito e si trasferì a New Orleans. Morgan fondò un orfanotrofio a Gentilly, in Louisiana, con altre due donne associate alla "Holiness and Sanctified Denomination", una setta che credeva nella celebrazione di Dio attraverso la musica e la danza.

Morgan adottò il titolo di "Sorella" intorno al 1940. Ha affermato che Dio l'ha chiamata a dipingere nel 1956. Come gli Shaker, la sua arte trasmette un profondo senso di devozione e si concentra esclusivamente su temi religiosi. Spesso Morgan includeva ampie citazioni scritturali per rafforzare il messaggio, utilizzando i suoi dipinti come concordanza visiva del suo messaggio evangelico.

Morgan dipingeva spesso con qualsiasi materiale disponibile, ponendo problemi di conservazione a musei e collezionisti. Nel 1957 si immaginava come la sposa di Cristo e in seguito si vestì esclusivamente con un abito bianco che appare spesso nei suoi dipinti. Non riuscendo a sostenere l'orfanotrofio, Morgan si trasferisce nel quartiere francese per fondare la "Everlasting Gospel Mission". Nel 1971 pubblicò "Let's Make a Record" con le sue canzoni originali. Nel 1974 ebbe la rivelazione di smettere di dipingere.

Monica W
Monica W
5 mesi fa

Qualcuno ha notato le linee curve e verticali a sinistra della porta verde, come se fossero una folla di persone che si dirigono verso di essa. La porta è aperta per consentire loro di entrare. Se si tratta di una folla di persone, e credo che lo sia, non sembra che stiano spingendo e spintonando. C'è tempo e spazio per tutti.

È questa la parte del dipinto su cui mi sono concentrato.

Gesù, centrale, ovviamente, dove deve essere nella nostra vita. San Giovanni indica verso di lui, come fanno tutti gli evangelisti che indicano se stessi. I quattro evangelisti rappresentati, le 7 lampade, gli anziani vestiti di bianco e poi i santi abilmente raffigurati, una folla, che entra.

Che artista intelligente e fantasiosa è sr Gertrude. Sta dipingendo l'Apocalisse 4, ma anche molto di più.

Noelle Clemens
Membro
Noelle Clemens
5 mesi fa
Rispondi a  Monica W

Ciao. Monica, sono d'accordo, queste figure sembrano in attesa di arrivare, aggraziate e difficili da identificare - e non è compito nostro farlo....

Monica W
Monica W
5 mesi fa
Rispondi a  Noelle Clemens

Sono certo che gli artisti incoraggino il discernimento e la speculazione sul loro lavoro. Credo che sia compito dell'osservatore identificare e interpretare ciò che l'artista sta proiettando. L'arte è un processo a due vie.

Noelle Clemens
Membro
Noelle Clemens
5 mesi fa
Rispondi a  Monica W

✅️

Diane St. Germain
Membro
Diane St. Germain
4 mesi fa
Rispondi a  Monica W

Come artista professionista, sono assolutamente d'accordo con te, Monica!

Marilee Pittman
Membro
Marilee Pittman
5 mesi fa

Mi dispiace che non ci sia stato un ulteriore esame del dipinto. Sono curioso di conoscere la storia che Suor Gertrude stava raccontando.

Mark Crain
Membro
Mark Crain
5 mesi fa
Rispondi a  Marilee Pittman

Cara Marilee, ti prego di leggere il post di Elvira di prima, che lo chiarisce. Pace, Mark

Elvira
Membro
Elvira
5 mesi fa
Rispondi a  Marilee Pittman

L'Apocalisse di San Giovanni, l'ultimo libro della Bibbia, utilizza un linguaggio simbolico, l'impatto delle immagini è più forte del linguaggio razionale, la descrizione del Paradiso può essere fatta solo simbolicamente. Tra l'altro, l'Apocalisse è l'unico libro della Bibbia che descrive questa realtà.
La porta aperta invita Giovanni alla contemplazione del Paradiso
Il trono di Dio Padre (manca l'Agnello: Dio Figlio)
Le 7 lampade: Dio Spirito Santo
I 24 anziani: le 12 tribù d'Israele + i dodici apostoli: tutta l'umanità
I 4 esseri viventi: creati per la salvezza degli uomini: cherubini
L'arcobaleno: patto e misericordia
Il mare di vetro: lavare, purificare

Elizabeth Hampton
Membro
Elizabeth Hampton
5 mesi fa

Il mio punto di vista sull'opera d'arte e la riflessione di oggi va un po' oltre, in quanto credo che Gesù si riferisse al concetto di "famiglia" al di là del mondo - nell'aspirare a unirci a Lui dobbiamo essere estranei e spogliarci delle distrazioni mondane e persino di tutti coloro che sono "del mondo", forse temporaneamente, per dedicarci alla preghiera e all'opera di Dio (o addirittura in modo permanente, se abbracciamo la vita religiosa), al fine di connetterci veramente con il nostro Padre Celeste. Gesù ha affermato questa verità più di una volta nelle Scritture: in primo luogo, quando ha chiesto ai discepoli di lasciare le loro famiglie e le reti da pesca sulla riva per seguirlo e diventare invece pescatori di uomini e ci sono numerosi altri riferimenti nei Vangeli con lo stesso messaggio. Quanto a questo dipinto, anch'esso è al di fuori della norma in quanto non ha un'etichetta di prezzo osceno che lo colloca in una collezione privata o in un museo dove è stato acquistato e pagato come oggetto di desiderio e di consumismo vistoso. Invece, la sua provenienza è quella di un pezzo di pura e autentica espressione artistica cristiana... e tanto meglio!

Letture relative a Marco 3:31-35

24 gennaio 2023

Marco 3:31-35

"Tua madre e i tuoi fratelli e sorelle sono fuori

21 gennaio 2023

Marco 3:20-21

Festa di Sant'Agnese, Vergine e Martire

28 gennaio 2020

Marco 3:31-35

Festa di San Tommaso d'Aquino

21 gennaio 2022

Marco 3:13-19

Festa di Sant'Agnese

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 70.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la nostra riflessione sull'arte.

Skip to content