Pace, sii tranquillo,
Dipinto da Stephen Gjertson (nato nel 1949),
Dipinto nel 2011,
Olio su tela
© Stephen Gjertson Art

Pace, sii tranquillo,
Dipinto da Stephen Gjertson (nato nel 1949),
Dipinto nel 2011,
Olio su tela
© Stephen Gjertson Art

Vangelo del 1 febbraio 2020

Silenzio ora! State calmi!

Marco 4:35-41

Quando si fece sera, Gesù disse ai suoi discepoli: "Passiamo dall'altra parte". E lasciandosi la folla alle spalle lo presero, così com'era, nella barca; e c'erano altre barche con lui. Allora cominciò a soffiare una burrasca e le onde si infrangevano sulla barca così che era quasi sommersa. Ma lui era a poppa, con la testa sul cuscino, addormentato. Lo svegliarono e gli dissero: "Maestro, non ti importa? Stiamo affondando! Ed egli si svegliò e rimproverò il vento e disse al mare: "Non ti preoccupare, stiamo affondando!Silenzio ora! State calmi!E il vento calò, e tutto era di nuovo calmo. Poi disse loro: "Perché siete così spaventati? Com'è possibile che non abbiate fede? Erano pieni di stupore e dicevano l'un l'altro: "Chi può essere costui? Anche il vento e il mare gli obbediscono".

Riflessione sulla pittura

La scena dell'attraversamento del lago in Marco oggi serve a Gesù per rivelare di più su se stesso. Sorge una grande tempesta. Ricordando che la maggior parte dei discepoli avevano molta familiarità con lo stare sulle barche e la pesca, sono piuttosto preoccupati per la tempesta. Questa non è una tempesta ordinaria. Gesù rimprovera la tempesta con la stessa autorità con cui ha rimproverato gli spiriti maligni. Ma è l'ultima parte della lettura che è la parte interessante. La descrizione che Marco fa dei discepoli e delle loro preoccupazioni ha un modo di sconvolgere noi lettori. Se i compagni più vicini a Gesù, dato il privilegio di vedere e sentire Gesù da vicino, non riescono a mettere tutto insieme, allora come possiamo noi 2000 anni dopo aspettarci di dare un senso a tutto? Questa lettura è quindi un avvertimento che non possiamo essere troppo sicuri di noi stessi o di sapere cosa ci vuole per qualificarci come un insider nel regno di Dio.

Ci sono molte buone ragioni per essere fiduciosi quando cerchiamo di vivere la nostra vita in Cristo. Cerchiamo di essere leali e dedicati. Ma essere fiduciosi non significa essere senza preoccupazioni. Abbiamo bisogno di umiltà nella nostra confidenza e fiducia in Cristo. Se insistiamo nell'essere fiduciosi, allora perdiamo la vigilanza. Dobbiamo essere vigili, attenti e accettare che ci siano dei pericoli. Solo allora possiamo procedere con cautela, custodendo la nostra mente, le parole e le azioni. La fiducia è buona. L'eccesso di fiducia no.

Il nostro dipinto di oggi è di Stephen Gjertson, membro fondatore dell'American Society of Classical Realism Guild of Artists. Il suo stile di pittura realista è impressionante. Nell'angolo lontano a sinistra vediamo tuoni e fulmini che scompaiono sullo sfondo. La tempesta si è calmata. Gesù, vestito con un mantello rosso ha le braccia alzate, preannunciando la posa della crocifissione. I discepoli guardano tutti con meraviglia... Il miracolo dell'autorità di Gesù sulla natura li aveva lasciati sbalorditi...

Condividi questa lettura del Vangelo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email

**Devi essere loggato per lasciare commenti.

Letture relative a Marco 4:35-41

27 gennaio 2022

Marco 4:21-25

Sicuramente metterai una lampada su un leggio?

28 gennaio 2022

Marco 4:26-34

Il regno di Dio è un seme di senape che cresce in...

28 gennaio 2021

Marco 4:21-25

Festa di San Tommaso d'Aquino

29 January 2020

Marco 4:1-20

Immaginate un seminatore che va a seminare

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

>