Salomè con la testa di San Giovanni Battista,
Dipinto da Andrea Solari (1460-1524),
Olio su pannello,
Dipinto nel 1506
© Metropolitan Museum of art, New York

Salomè con la testa di San Giovanni Battista,
Dipinto da Andrea Solari (1460-1524),
Olio su pannello,
Dipinto nel 1506
© Metropolitan Museum of art, New York

Vangelo del 7 febbraio 2020

La decapitazione di Giovanni Battista

Marco 6:14-29

Il re Erode aveva sentito parlare di Gesù, perché ormai il suo nome era ben noto. Alcuni dicevano: "Giovanni Battista è risorto dai morti, e per questo in lui operano poteri miracolosi". Altri dicevano: "È Elia"; altri ancora: "È un profeta, come i profeti di una volta". Ma quando Erode sentì questo, disse: "È un profeta".È Giovanni a cui ho tagliato la testaEgli è risorto dai morti".

Ora era questo stesso Erode che aveva mandato a far arrestare Giovanni e lo aveva incatenato in prigione a causa di Erodiade, la moglie di suo fratello Filippo, che egli aveva sposato. Infatti Giovanni aveva detto a Erode: "È contro la legge che tu abbia la moglie di tuo fratello". Quanto a Erodiade, era furiosa con lui e voleva ucciderlo; ma non ci riuscì, perché Erode aveva paura di Giovanni, sapendolo un uomo buono e santo, e gli diede la sua protezione. Quando lo sentì parlare rimase molto perplesso, eppure gli piaceva ascoltarlo.

Un'occasione si presentò il giorno del compleanno di Erode, quando diede un banchetto per i nobili della sua corte, per i suoi ufficiali dell'esercito e per i personaggi di spicco della Galilea. Quando la figlia di questa stessa Erodiade entrò e ballò, deliziò Erode e i suoi ospiti; così il re disse alla ragazza: "Chiedimi quello che vuoi e te lo darò". Ed egli le fece un giuramento: "Ti darò qualsiasi cosa tu chieda, anche la metà del mio regno". Lei uscì e disse a sua madre: 'Cosa devo chiedere? Lei rispose: 'La testa di Giovanni Battista'. La ragazza tornò subito dal re e fece la sua richiesta: "Voglio che tu mi dia la testa di Giovanni Battista, qui e ora, su un piatto". Il re era profondamente addolorato ma, pensando ai giuramenti che aveva fatto e ai suoi ospiti, era riluttante a mancare alla sua parola. Così il re mandò subito una delle guardie del corpo con l'ordine di portare la testa di Giovanni. L'uomo partì e lo decapitò in prigione; poi portò la testa su un piatto e la diede alla ragazza, e la ragazza la diede a sua madre. Quando i discepoli di Giovanni seppero questo, vennero e presero il suo corpo e lo misero in una tomba.

Riflessione sulla pittura

Questa è un'immagine piuttosto stupefacente che stiamo guardando oggi. Vediamo Salomè dipinta con una bellezza idealizzata, vestita con sete costose, velluti e indossando gioielli opulenti. Ha in mano la ciotola, riempita con il sangue di San Giovanni. La testa di San Giovanni Battista è tenuta in alto dalla mano del boia. Non vediamo la testa del boia, solo il braccio. Mentre il boia lo ha ucciso, è stata Salomè a chiedere che l'omicidio avesse luogo. La storia biblica di Salomè che danza in modo seducente per il re Erode e poi chiede come ricompensa la testa di Giovanni il Battista, è stata un lungo fascino per gli artisti nella storia dell'arte. Il nostro dipinto cattura il momento in cui il boia mette la testa di San Giovanni su un caricatore tenuto da Salomè. Anche se ha ottenuto esattamente ciò che ha chiesto, non sembra felice. Il contrasto tra il suo viso straordinariamente bello ma ancora infelice, con la testa di San Giovanni, morta ma in pace, rende l'intero dipinto molto drammatico.

La decapitazione di San Giovanni Battista avvenne il giorno del compleanno di Erode. Eppure noi ricordiamo questo giorno non come il compleanno di Erode, ma come il giorno in cui fu ucciso il precursore del Signore che annunciò al mondo la venuta di Cristo. Con questo episodio, Erode stabilì il suo nome per sempre nella mente della gente di essere un uomo cattivo e malvagio. La cosa che colpisce di questo passaggio è che Erode aveva paura di Giovanni, sapendo che era un uomo buono e santo. Così Erode sapeva che San Giovanni era un uomo buono, eppure lo uccise con grande crudeltà. Perché? I desideri mondani, l'alcool alla festa e la seduzione di Salomè hanno fatto sì che Erode in poco tempo esigesse l'esecuzione. In un momento di follia, fece di Giovanni il simbolo di tutte le persone martirizzate successivamente per la loro fede in Gesù Cristo...

Condividi questa lettura del Vangelo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email

**Devi essere loggato per lasciare commenti.

Letture relative a Marco 6:14-29

3 febbraio 2022

Marco 6:7-13

Gesù convocò i Dodici e li inviò in ...

8 febbraio 2021

Marco 6:53-56

La gente cominciò ad affrettarsi verso Gesù

29 agosto 2020

Marco 6:17-29

L'uomo se ne andò e decapitò San Giovanni Battista

7 febbraio 2022

Marco 6:53-56

Tutti quelli che lo toccavano erano guariti.

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

>