La festa di Erode,
Pittura di Pieter-Paul Rubens (1577-1640),
Dipinto tra il 1635-38,
Olio su tela
© Galleria Nazionale di Scozia, Edimburgo

La festa di Erode,
Pittura di Pieter-Paul Rubens (1577-1640),
Dipinto tra il 1635-38,
Olio su tela
© Galleria Nazionale di Scozia, Edimburgo

Vangelo del 3 febbraio 2023

La decapitazione di Giovanni Battista

Marco 6:14-29

Il re Erode aveva sentito parlare di Gesù, poiché ormai il suo nome era ben noto. Alcuni dicevano: "Giovanni Battista è risorto dai morti e per questo in lui operano poteri miracolosi". Altri dicevano: "È Elia"; altri ancora: "È un profeta, come i profeti di una volta". Ma quando Erode sentì queste cose, disse: "È Giovanni a cui ho tagliato la testa; è risorto dai morti".

Ora era questo stesso Erode che aveva mandato a far arrestare Giovanni e lo aveva incatenato in prigione a causa di Erodiade, la moglie di suo fratello Filippo, che egli aveva sposato. Infatti Giovanni aveva detto a Erode: "È contro la legge che tu abbia la moglie di tuo fratello". Quanto a Erodiade, era furiosa con lui e voleva ucciderlo; ma non ci riuscì, perché Erode aveva paura di Giovanni, sapendolo un uomo buono e santo, e gli diede la sua protezione. Quando lo sentì parlare rimase molto perplesso, eppure gli piaceva ascoltarlo.

Un'occasione si presentò il giorno del compleanno di Erode, quando diede un banchetto per i nobili della sua corte, per i suoi ufficiali dell'esercito e per i personaggi di spicco della Galilea. Quando la figlia di questa stessa Erodiade entrò e ballò, deliziò Erode e i suoi ospiti; così il re disse alla ragazza: "Chiedimi quello che vuoi e te lo darò". Ed egli le fece un giuramento: "Ti darò qualsiasi cosa tu chieda, anche la metà del mio regno". Lei uscì e disse a sua madre: 'Cosa devo chiedere? Quella rispose: 'La testa di Giovanni Battista'. La ragazza tornò subito dal re e fece la sua richiesta: "Voglio che tu mi dia la testa di Giovanni Battista, qui e ora, su un vassoio". Il re era profondamente addolorato ma, pensando ai giuramenti che aveva fatto e ai suoi ospiti, era riluttante a mancare alla sua parola. Così il re mandò subito una delle guardie del corpo con l'ordine di portare la testa di Giovanni. L'uomo partì e lo decapitò in prigione; poi portò la testa su un piatto e la diede alla ragazza, e la ragazza la diede a sua madre. Quando i discepoli di Giovanni seppero questo, vennero e presero il suo corpo e lo posero nel sepolcro.

Riflessione sulla pittura

La scena descritta nei minimi dettagli nella lettura del Vangelo di oggi è una scena che ha ispirato gli artisti di tutti i secoli. Il sontuoso banchetto nel palazzo di Erode per il suo compleanno si rivela un banchetto di morte. L'evangelista Marco segue direttamente questa scena con il pasto di Gesù alla moltitudine. È come se Marco volesse contrapporre il banchetto di morte di Erode al banchetto di vita di Gesù.

Una rappresentazione vivida e piuttosto raccapricciante del banchetto di morte di Erode è questo dipinto di Rubens. A prima vista sembra ritrarre un incontro felice: una festa gioiosa piena di dinamismo, cibo delizioso, argento e colori splendenti. Ad uno sguardo più attento, però, si scopre una scena orribile. Il giorno del suo compleanno Erode Antipa disse alla figliastra che poteva avere tutto ciò che voleva. Su suggerimento della madre, la ragazza chiese la testa di Giovanni Battista, che si trovava nelle prigioni per aver criticato il matrimonio di Erode con Erodiade. La figliastra ottiene il suo consenso e la vediamo presentare la testa a Erode. Erodiade prende crudelmente una forchetta e con essa punge la lingua di Giovanni. Erode indietreggia inorridito. Tutte le figure sono dipinte in abiti del XVII secolo, il che avrebbe fatto sì che gli spettatori dell'epoca di Rubens si immedesimassero ancora di più nella scena.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Subscribe
Notify of
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Maria Contreras
Membro
Maria Contreras
1 anno fa

Ascoltando questo giorno un sacerdote che rifletteva su questo passo dell'evangelio, ha detto che rappresenta la DIFESA DELLA FAMIGLIA, che è una lotta a lungo termine. Enrique VIII mató a Santo Tomas Moro porque no aprobaba que dejara a su esposa por otra. Alla fine, Enrique VIII ottenne ciò che desiderava e si separò dalla Chiesa cattolica. Attualmente c'è anche una lotta per la famiglia, in tutto ciò che costituisce una famiglia.
Il passaggio di oggi si riflette magnificamente nella pittura di Rubens.

Sandy Morris
Membro
Sandy Morris
1 anno fa

Non avevo mai notato prima che Marco fa un passo indietro nel tempo per raccontare questa storia. Il passato di Erode guida ora la sua reazione terrorizzata alla notizia di Gesù. Le sue parole - e la scena del banchetto come la rappresenta Rubens - mi ricordano Macbeth... "Sono nel sangue calpestato così tanto... che tornare indietro è stato noioso come andare via...".

David Kohler
Membro
David Kohler
1 anno fa

Ruben ripercorre magistralmente l'espanto, il cinismo e la curiosità morbosa presenti ancora oggi nelle feste orribili del poder.

Rya Lucas
Membro
Rya Lucas
1 anno fa

Che tipo di donne sono Erodiade e sua figlia? Con un sorriso trionfante, guardando la testa sanguinante di Giovanni Battista. Sono d'accordo con le parole di Patricia: Erode sembra infelice... non è contento del suo giuramento. Penso che abbia paura... delle conseguenze della morte di Giovanni!!!

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien
1 anno fa

Guardando il dipinto, sono molto contento che Erode sembri adeguatamente infelice vedendo il risultato della sua ossessione.

Antonio
Membro
Antonio
1 anno fa

Banchetto della morte e banchetto della vita. Lo ricorderò. Grazie diacono.

Chazbo M
Membro
Chazbo M
1 anno fa

Rubens - splendido artista barocco, pittore di corte della monarchia spagnola. Alcuni trovano i soggetti della sua arte eccessivamente "carnosi"!
Questa storia illustra la follia dell'ossessione sessuale: Erode per Salomè.
Mi piace molto questo dipinto, anche se il passo biblico illustra il comportamento umano al suo livello più basso.

spazio per la grazia
Membro
spazio per la grazia
1 anno fa

È una storia talmente nota ma straordinaria che deve avere più di un fondo di verità. Non sono però sicuro di quale sia il messaggio che si vuole trasmettere. La storia è un soggetto popolare nell'arte, è solo il suo fascino? Cosa pensano gli altri?

Adriana
Membro
Adriana
1 anno fa

Che Dio ci salvi dalle cattive influenze, che possono rovinare una vita in un batter d'occhio.
Buona giornata a tutti.

Letture relative a Marco 6:14-29

4 febbraio 2023

Marco 6:30-34

Devi andartene in un posto solitario tutto per te...

4 febbraio 2022

Marco 6:14-29

La decapitazione di Giovanni Battista

6 febbraio 2020

Marco 6:7-13

Non prendere nulla per il viaggio, tranne un bastone

11 luglio 2021

Marco 6:7-13

Cominciò a mandare i Dodici a coppie

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 70.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la nostra riflessione sull'arte.

Skip to content