Adorazione di Gesù Bambino di San Giovanni Battista,
Dipinto da Lucas Cranach il Vecchio (1472-1553),
Dipinto intorno al 1535,
Olio su pannello
© Museo Lázaro Galdiano, Madrid

Adorazione di Gesù Bambino di San Giovanni Battista,
Dipinto da Lucas Cranach il Vecchio (1472-1553),
Dipinto intorno al 1535,
Olio su pannello
© Museo Lázaro Galdiano, Madrid

Vangelo del 9 dicembre 2021

Il minimo nel regno dei cieli è più grande di Giovanni il Battista

Matteo 11:11-15

Gesù parlò alle folle: "Vi dico solennemente che tra tutti i bambini nati da donne non si è mai visto uno più grande di Giovanni il Battista; eppure il minimo nel regno dei cieli è più grande di lui. Da quando è venuto Giovanni il Battista, fino a questo momento, il regno dei cieli è stato sottoposto a violenza e i violenti lo stanno prendendo d'assalto. Perché è verso Giovanni che conducevano tutte le profezie dei profeti e della Legge; ed egli, se mi credete, è l'Elia che doveva tornare. Se qualcuno ha orecchie per sentire, che ascolti!

Riflessione sulla pittura

Voglio guardare brevemente la frase di Gesù 'eppure il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di Giovanni il Battista'. All'inizio questo suona piuttosto enigmatico. Prima Gesù dice:Vi dico solennemente che tra tutti i bambini nati da donne, non si è mai visto uno più grande di Giovanni il BattistaE tuttavia Gesù continua a dire che tutti noi siamo ancora più grandi di lui... Siamo più grandi non perché siamo migliori di lui, o più intelligenti o più santi di lui, ma perché siamo stati più grandemente graziati. Attraverso i Vangeli, sappiamo tutto della vita pubblica di Gesù, i suoi insegnamenti, la sua resurrezione, le sue dimostrazioni d'amore, i suoi miracoli, ecc... Giovanni Battista non vide mai queste cose, perché fu giustiziato da Erode all'inizio del ministero pubblico di Gesù. In questo senso abbiamo ricevuto una grazia più grande e possiamo passare la nostra vita crescendo in un maggiore apprezzamento di tutto ciò che abbiamo ricevuto attraverso la vita di Gesù.

Il ministero di Giovanni fu quello di annunciare la venuta di Gesù, ma lui stesso non visse per vedere il ministero, la morte e la resurrezione di Gesù e la nascita della nostra Chiesa. In questo senso siamo tutti più grandemente benedetti di quanto lo fosse Giovanni il Battista. Così ogni giorno possiamo essere grati per la grazia che ci è stata data dall'esempio di Gesù.

Il nostro dipinto di Luca Cranach il Vecchio raffigura l'adorazione di Gesù bambino da parte di San Giovanni Battista. Vediamo il piccolo San Giovanni vestito di pelle d'animale che si inginocchia e indica Gesù, mentre tiene in mano un agnello, riferendosi alla caratterizzazione di Giovanni di Cristo come Agnello di Dio e alla sua morte sacrificale sulla croce. Cristo tiene la croce intrecciata con il serpente in basso: È venuto a liberarci dal male e dal peccato. Si vede anche che schiaccia un teschio con il suo piede sinistro, perché è venuto a vincere la morte.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Letture relative a Matteo 11:11-15

29 aprile 2021

Matteo 11:25-30

Festa di Santa Caterina da Siena

16 luglio 2020

Matteo 11:28-30

Festa di Nostra Signora del Monte Carmelo

14 luglio 2020

Matteo 11:20-24

Gesù cominciò a rimproverare le città

15 luglio 2021

Matteo 11:28-30

Festa di San Bonaventura

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

Passa al contenuto