Un sacrificio pagano,
Dipinto da Benvenuto Tisi, detto Garofalo (1481-1559),
Dipinto nel 1526
Olio su tela
© Galleria Nazionale, Londra

Un sacrificio pagano,
Dipinto da Benvenuto Tisi, detto Garofalo (1481-1559),
Dipinto nel 1526
Olio su tela
© Galleria Nazionale, Londra

Vangelo del 15 luglio 2022

Quello che voglio è la misericordia, non il sacrificio

Matteo 12:1-8

Un giorno di sabato Gesù fece una passeggiata tra i campi di grano. I suoi discepoli avevano fame e cominciarono a raccogliere spighe e a mangiarle. I farisei se ne accorsero e gli dissero: "Guarda, i tuoi discepoli stanno facendo qualcosa che è proibito di sabato". Ma egli disse loro: "Non avete letto quello che fece Davide quando lui e i suoi seguaci avevano fame: come andò nella casa di Dio e come mangiarono i pani dell'offerta che né lui né i suoi seguaci potevano mangiare, ma che erano riservati ai sacerdoti? O ancora, non avete letto nella Legge che nel giorno di sabato i sacerdoti del Tempio infrangono il sabato senza essere rimproverati per questo? Ecco, vi dico, qualcosa di più grande del Tempio. E se aveste compreso il significato delle parole: Quello che voglio è la misericordia, non il sacrificio, non avreste condannato l'irreprensibile. Perché il Figlio dell'uomo è padrone del sabato".

Riflessione sulla pittura

Le parole di Gesù verso la fine della lettura del Vangelo di oggi sono chiare: "Quello che voglio è misericordia, non sacrificio". È una citazione di Osea 6,6 (Dio vuole misericordia, non sacrifici). Non ci dice solo che Dio vuole che amiamo le persone più di quanto voglia che osserviamo la santità rituale. Ci dice chiaramente che il desiderio più profondo di Dio, il suo più grande desiderio, è che le persone vengano a lui e sperimentino il suo amore. Dio è un Dio di misericordia. Non vuole la perfezione, ma vuole che facciamo del nostro meglio. Falliremo, inciamperemo e cadremo, ma in quei momenti sperimenteremo il suo abbondante perdono.

I sacrifici che Gesù descrive e che non vuole sono quelli raffigurati nel nostro dipinto: sacrifici pagani e superstiziosi. Nel nostro dipinto di Garofalo del 1526, vediamo un uomo seminudo che versa del vino rosso da un'anfora sulla testa di una capra su un altare. Una giovane donna a sinistra porta una torcia rovesciata, mentre una vecchia tiene in equilibrio sulla testa un cesto di pere, mele e uva.

Tuttavia, i sacrifici sono una parte importante della nostra fede. Ma Dio vuole che siano i sacrifici giusti, non solo semplici esibizioni esterne di offerte pagane. Solo attraverso un adeguato sacrificio interiore possiamo diventare degni di vivere alla presenza di Dio. Per ottenere qualcosa nella vita, dobbiamo sempre sacrificare qualcos'altro. Per riscaldare la casa, si deve sacrificare il gas; per sposarsi, si sacrifica la vecchia vita da scapolo; per condurre una vita sana, si deve sacrificare il consumo di patatine e cioccolatini, ecc... Così anche per entrare nella vita eterna, dobbiamo sacrificare molti piaceri allettanti sulla terra o sacrificare il tempo a chi sta meno bene di noi. Per guadagnare, dobbiamo sacrificare! ...

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
4 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
1 mese fa

Le parole di Cristo non fanno altro che avallare (a mio avviso) l'inutilità delle nostre sole osservanze quando si tratta di fede. Ci sentiamo estremamente in colpa per aver saltato la messa, presumibilmente un peccato mortale, ma non pensiamo a nulla di ammettere di aver parlato con qualcuno per anni dopo un litigio!

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
1 mese fa
Rispondi a  Patricia O'Brien

Scusa 'non parlare con qualcuno'

Oi Lian Kon
Membro
Oi Lian Kon(@kairos712)
1 mese fa

Anch'io ho bisogno di misericordia. Signore, aiutami a essere un canale della tua misericordia per gli altri.

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
1 mese fa

L'auto-negazione non è molto praticata oggi.

Letture correlate a Matteo 12:1-8

17 luglio 2020

Matteo 12:1-8

Un giorno di sabato Gesù passeggiava per la c...

18 luglio 2022

Matteo 12:38-42

Giona si trovava nel ventre del mostro marino per...

18 luglio 2020

Matteo 12:14-21

I farisei cominciarono a discutere su come distruggere J...

20 luglio 2020

Matteo 12:38-42

L'unico segno che verrà dato è il segno di t...

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica