Salomè con la testa di San Giovanni Battista,
Dipinto da Andrea Solari (1460-1524),
Olio su pannello,
Dipinto nel 1506
© Metropolitan Museum of art, New York

Salomè con la testa di San Giovanni Battista,
Dipinto da Andrea Solari (1460-1524),
Olio su pannello,
Dipinto nel 1506
© Metropolitan Museum of art, New York

Vangelo del 30 luglio 2022

La decapitazione di Giovanni Battista

Matteo 14:1-12

Il tetrarca Erode udì della fama di Gesù e disse alla sua corte: "Questo è Giovanni il Battista; è risorto dai morti e per questo in lui operano poteri miracolosi".

Era stato Erode ad arrestare Giovanni, a incatenarlo e a metterlo in prigione a causa di Erodiade, moglie di suo fratello Filippo. Giovanni infatti gli aveva detto: "È contro la Legge che tu l'abbia". Voleva ucciderlo, ma aveva paura del popolo, che considerava Giovanni un profeta. Poi, durante i festeggiamenti per il compleanno di Erode, la figlia di Erodiade danzò davanti alla compagnia e piacque così tanto a Erode che promise con giuramento di darle tutto ciò che avesse chiesto. Su sollecitazione della madre, la ragazza disse: "Dammi la testa di Giovanni Battista, qui, su un piatto". Il re era angosciato ma, pensando ai giuramenti fatti e ai suoi ospiti, ordinò di dargliela e mandò a far decapitare Giovanni nella prigione. La testa fu portata su un piatto e data alla ragazza, che la portò a sua madre. I discepoli di Giovanni vennero a prendere il corpo e lo seppellirono; poi andarono a dirlo a Gesù.

Riflessione sulla pittura

È un dipinto piuttosto raccapricciante quello che vediamo oggi. Vediamo Salomè dipinta con una bellezza idealizzata, vestita di sete e velluti costosi e con gioielli opulenti. Tiene in mano la coppa, riempita con il sangue di San Giovanni Battista. La sua testa è tenuta in alto dalla mano del boia. Non vediamo la testa del boia, ma solo il suo braccio. Mentre il boia lo uccide, è Salomè a chiedere che l'omicidio abbia luogo. La storia biblica di Salomè che danza in modo seducente per il re Erode e poi chiede come ricompensa la testa di Giovanni Battista, ha affascinato a lungo gli artisti nella storia dell'arte. Il nostro dipinto cattura il momento in cui il boia colloca la testa di San Giovanni su un caricatore tenuto da Salomè. Sebbene abbia ottenuto esattamente ciò che aveva chiesto, non sembra felice. Il contrasto tra il suo volto straordinariamente bello ma infelice e la testa di San Giovanni, morto ma in pace, rende l'intero dipinto molto drammatico.

La decapitazione di San Giovanni Battista avvenne nel giorno del compleanno di Erode. Eppure noi ricordiamo questo giorno non come il compleanno di Erode, ma come il giorno in cui fu ucciso il precursore e l'araldo del Signore. Con questo episodio, Erode stabilì per sempre il suo nome nella mente della gente come un uomo debole e malvagio. La cosa che colpisce di questo passo è che Erode aveva paura di Giovanni, sapendo che era un uomo buono e santo. Nonostante ciò, lo uccise con grande crudeltà. Perché? I desideri mondani, forse l'alcool della festa e la seduzione di Salomè, spinsero Erode a chiedere in un attimo l'esecuzione. In un momento di follia, fece di Giovanni il simbolo di tutti coloro che in seguito furono martirizzati per la loro fede in Gesù Cristo...

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
5 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
19 giorni fa

Il male che spesso si fa per salvare la faccia.
Grande pittura.

Rya Lucas
Membro
Rya Lucas(@katteliekemeissie)
19 giorni fa

Un dipinto terribile e crudele. Che razza di ragazza era Erodiade... con in mano un piatto con una testa umana...! Mi dispiace molto per Gesù, che ha perso il suo amato nipote; questo deve essere stato un messaggio triste per Lui e un grande dolore. Santo Giovanni Battista, prega per noi e per il nostro mondo disperato.

Oi Lian Kon
Membro
Oi Lian Kon(@kairos712)
19 giorni fa

Un linguaggio sorprendentemente privo di emozioni per la decapitazione del precursore del Messia. "Non temete quelli che uccidono il corpo ma non possono uccidere l'anima; temete piuttosto quelli che possono distruggere sia l'anima che il corpo nell'inferno". Matteo 10:28

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
19 giorni fa

Sono d'accordo. Un dipinto bellissimo e personalmente non avevo mai sentito parlare di questo artista.

Letture correlate a Matteo 14:1-12

2 agosto 2020

Matteo 14:13-21

Gesù si ritirò in barca in un luogo solitario

31 luglio 2021

Matteo 14:1-12

Festa di Sant'Ignazio di Loyola

1° agosto 2022

Matteo 14:13-21

Gesù si ritirò in barca in un luogo solitario

2 agosto 2021

Matteo 14:13-21

Dare loro qualcosa da mangiare

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica