L'abito da sposa,
Dipinto da Frederick Elwell (1870-1958),
Dipinto nel 1911,
Olio su tela,
© Collezioni del Museo di Hull

L'abito da sposa,
Dipinto da Frederick Elwell (1870-1958),
Dipinto nel 1911,
Olio su tela,
© Collezioni del Museo di Hull

Vangelo del 1° agosto 2022

Gesù si ritirò in barca in un luogo solitario

Matteo 14:13-21

Quando Gesù ricevette la notizia della morte di Giovanni Battista si ritirò con una barca in un luogo solitario dove potevano stare da soli. Ma la gente lo seppe e, lasciate le città, lo seguì a piedi. Sceso a terra, vide una grande folla; ebbe compassione di loro e guarì i loro malati.

Quando si fece sera, i discepoli andarono da lui e gli dissero: "Questo è un luogo solitario e il tempo è trascorso; manda via la gente e che vadano nei villaggi a comprarsi da mangiare". Gesù rispose: "Non c'è bisogno che vadano; date loro voi stessi qualcosa da mangiare". Ma essi risposero: "Abbiamo con noi solo cinque pani e due pesci". "Portateli qui da me", disse. Diede ordine che la gente si sedesse sull'erba; poi prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo e li benedì. E spezzando i pani li consegnò ai suoi discepoli che li diedero alle folle. Tutti mangiarono quanto volevano e raccolsero gli avanzi rimasti: dodici ceste piene. Quelli che mangiarono erano circa cinquemila uomini, per non parlare delle donne e dei bambini.

Riflessione sulla pittura

La lettura del Vangelo di oggi fa seguito agli eventi della decapitazione di San Giovanni Battista che abbiamo esaminato sabato. Inizia con le parole: "Quando Gesù ricevette la notizia della morte di Giovanni Battista, si ritirò in barca in un luogo solitario dove potessero stare da soli". Gesù era sconvolto e addolorato. Come chiunque di noi alla perdita di un caro amico, aveva bisogno di tempo e spazio per elaborare la notizia: era impossibile per Gesù, nella sua piena umanità, vivere e amare senza provare dolore. Così se ne andò in un luogo solitario.

In queste circostanze, vogliamo essere soli, ma allo stesso tempo avere una compagnia utile nella nostra solitudine. È stato così anche per Cristo. Se ne andò da solo, ma fu accompagnato dai discepoli. Si unirono a lui nel suo dolore solitario e probabilmente rimasero seduti con lui, semplicemente standogli accanto. Penso che, soprattutto al giorno d'oggi, quando sembra che abbiamo un atteggiamento di rapida risoluzione dei problemi verso tutto, e quando arriva il dolore, non sempre ci vengono concessi il tempo e lo spazio di cui abbiamo bisogno. Non c'è niente di nuovo, credo, come leggiamo nel brano del Vangelo: le folle si riversarono su Cristo, interrompendo la sua possibilità di piangere.

Il nostro dipinto, intitolato "L'abito da sposa", di Frederick Elwell, mostra una giovane donna vestita di nero, inginocchiata sul pavimento di una camera da letto buia accanto a una cassa aperta. Sul pavimento giacciono il suo abito da sposa di raso bianco e le scarpe bianche che indossava (o forse aveva intenzione di indossare?) il giorno del suo matrimonio. La donna è ovviamente profondamente addolorata, ma il contesto non è del tutto chiaro. Possiamo supporre che il marito o il futuro marito sia morto? Forse sta mettendo via l'abito da sposa, chiudendo un capitolo della sua vita? Il letto che condivideva con il marito è ora vuoto. È un dipinto potente che trasmette la perdita e il dolore...

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Obiettivo del donatore
Stabilite come obiettivo il numero totale di donatori.
3 Commenti
Si desidera visualizzare un messaggio personalizzato quando l'obiettivo viene chiuso?
Grazie a tutti i nostri donatori, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di raccolta fondi.
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
3 mesi fa

Dolore e perdita... un'altra cosa che Cristo ha sperimentato.
Un'immagine così toccante oggi. Straziante.
Ricordo che mia nonna mi raccontò che il suo spasimante le chiese di sposarlo poco prima che partisse per la guerra (la prima guerra mondiale) e lei disse: "No, non voglio essere una vedova in lutto. Se torni, ti sposo". Lui lo fece. Lei lo fece. Mio nonno!

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
3 mesi fa
Rispondi a  Patricia O'Brien

Bella storia Patricia. Entrambi i miei nonni hanno combattuto contro l'Impero Ottomano nella Prima Guerra Mondiale. Sarebbe stato bello se si fossero incontrati!!!

Oi Lian Kon
Membro
Oi Lian Kon(@kairos712)
3 mesi fa

La riflessione di oggi ricorda Gabriel Marcel (1883-1973) che diceva: "La vita è un mistero da vivere, non un problema da risolvere". Grazie.

Letture correlate a Matteo 14:13-21

2 agosto 2022

Matteo 14:22-36

Pietro iniziò a camminare verso Gesù attraverso ...

3 agosto 2019

Matteo 14: 1-12

La decapitazione di Giovanni Battista

3 agosto 2021

Matteo 14:22-36

Gesù camminava sul lago

2 agosto 2021

Matteo 14:13-21

Dare loro qualcosa da mangiare

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica