San Pietro invitato a camminare sulle acque,
Dipinto da Francois Boucher (1703-1770),
Dipinto nel 1766,
Olio su tela,
© Cattedrale di Saint-Louis, Versailles, Francia

San Pietro invitato a camminare sulle acque,
Dipinto da Francois Boucher (1703-1770),
Dipinto nel 1766,
Olio su tela,
© Cattedrale di Saint-Louis, Versailles, Francia

Vangelo del 2 agosto 2022

Pietro iniziò a camminare verso Gesù sulle acque

Matteo 14:22-36

Gesù fece salire i discepoli sulla barca e li fece proseguire verso l'altra sponda, mentre lui mandava via le folle. Dopo aver mandato via le folle, salì da solo sulle colline a pregare. Quando giunse la sera, era lì da solo, mentre la barca, ormai lontana dal lago, lottava con un mare grosso, perché c'era vento contrario. Verso la fine della notte andò verso di loro, camminando sul lago, e quando i discepoli lo videro camminare sulle acque furono terrorizzati. Dissero: "È un fantasma" e gridarono per la paura. Ma subito Gesù li chiamò dicendo: "Coraggio! Sono io! Non abbiate paura". Fu Pietro a rispondere. Signore", disse, "se sei tu, dimmi di venire da te al di là delle acque". "Vieni" disse Gesù. Poi Pietro scese dalla barca e cominciò a camminare verso Gesù sulle acque.Ma non appena sentì la forza del vento, si spaventò e cominciò ad affondare. Signore! Salvami!", gridò. Gesù stese subito la mano e lo trattenne. Uomo di poca fede", gli disse, "perché hai dubitato?". E mentre salivano sulla barca il vento calò. Gli uomini nella barca si prostrarono davanti a lui e dissero: "In verità, tu sei il Figlio di Dio".

Dopo aver compiuto la traversata, sbarcarono a Gennesaret. Quando gli abitanti del luogo lo riconobbero, diffusero la notizia in tutto il quartiere e portarono da lui tutti i malati, pregandolo di far loro toccare solo la frangia del suo mantello. E tutti quelli che la toccavano guarivano completamente.

Riflessione sul dipinto dell'altare

Il pittore che oggi osserviamo, François Boucher, era perfettamente in sintonia con il suo pubblico, al quale forniva quadri frivoli e da boudoir, che celebravano il colore, l'emozione e la giocosità. Fornitore delle corti reali di Francia (il nostro quadro è ancora conservato a Versailles), dipingeva soprattutto ciò che i suoi committenti volevano vedere. Sebbene Boucher sia noto soprattutto per i suoi dipinti sensuali, questo quadro mostra un lato più sobrio e serio. I bordi della tela sono scuri. È notte. Il mare è selvaggio. Gli angeli guardano dal cielo. San Pietro ha lasciato la barca e "ha iniziato a camminare verso Gesù attraverso l'acqua, ma appena ha sentito la forza del vento, si è spaventato e ha iniziato ad affondare". "Signore! Salvami!", gridò". Gesù ora tende la mano. Pietro guarda Gesù in totale dipendenza. È un momento di unione spirituale per i due amici. Gli altri discepoli guardano altrove, ancora spaventati dal mare agitato e dalla tempesta.

Mi piace la figura di Pietro raffigurata nel nostro dipinto. Da sempre discepolo avventuroso, voleva dimostrare la sua fiducia e il suo amore per Cristo in un modo straordinario. Pensò che se Gesù era stato in grado di camminare sulle acque, sicuramente Gesù gli avrebbe permesso di fare lo stesso. All'inizio, tutto andava bene: Pietro si avvicinò a Gesù, rimanendo completamente concentrato su di lui. Ma poi ci viene detto che sentì la forza del vento e cominciò ad affondare. Distolse lo sguardo dal suo amico, perse la concentrazione e iniziò a dubitare di tutto. Cosa ci faccio in mezzo al Mar di Galilea camminando sulle acque? Quanto è forte questa tempesta? Sopravviverò? Riuscirò a raggiungere Gesù? Tutti ci identifichiamo con Pietro. Ma Gesù non lo lasciò annegare nemmeno un po' per dargli una lezione. No, ci viene detto che Gesù stese subito la mano e lo trattenne... Mentre a volte affondiamo nel nostro mare di preoccupazioni, Gesù ci afferra per mano... Tutto ciò che dobbiamo fare è mantenere la nostra attenzione su di lui.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Obiettivo del donatore
Stabilite come obiettivo il numero totale di donatori.
6 Commenti
Si desidera visualizzare un messaggio personalizzato quando l'obiettivo viene chiuso?
Grazie a tutti i nostri donatori, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di raccolta fondi.
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
3 mesi fa

Adoro questo vangelo e la tua riflessione Patrick. Il dipinto, non tanto...

Julie Bull
Membro
Julie Bull(@jpbull)
3 mesi fa

Amo la compassione sul volto di Gesù

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
3 mesi fa
Rispondi a  Julie Bull

E la fiducia in Pietro?

Tina Shaw
Membro
Tina Shaw(@tina)
3 mesi fa

La paura di lasciarsi andare, di fidarsi di ........

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
3 mesi fa

Oggi non usciamo nemmeno dalla barca, perché ci affidiamo tanto alle cose materiali e concrete.

Lunda Hearjn
Membro
Lunda Hearjn(@hearnlinda658gmail-com)
3 mesi fa

Adoro questo

Letture correlate a Matteo 14:22-36

31 luglio 2021

Matteo 14:1-12

Festa di Sant'Ignazio di Loyola

2 agosto 2020

Matteo 14:13-21

Gesù si ritirò in barca in un luogo solitario

1° agosto 2022

Matteo 14:13-21

Gesù si ritirò in barca in un luogo solitario

5 agosto 2019

Matteo 14, 13-21

Il pasto dei cinquemila

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica