Giacobbe cerca il perdono di Esaù,
Dipinto da Jan Victors (1619-1676),
Dipinto nel 1652,
Olio su tela
© Museo d'arte di Indianapolis

Giacobbe cerca il perdono di Esaù,
Dipinto da Jan Victors (1619-1676),
Dipinto nel 1652,
Olio su tela
© Museo d'arte di Indianapolis

Vangelo dell'11 agosto 2022

Signore, quante volte devo perdonare il mio fratello se mi fa un torto?

Matteo 18:21-19:1

Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: Signore, quante volte devo perdonare il mio fratello se mi fa un torto? Fino a sette volte?Gesù rispose: "Non sette, ti dico, ma settantasette volte".

Il regno dei cieli può essere paragonato a un re che decise di regolare i conti con i suoi servi. Quando si cominciò a fare i conti, gli portarono un uomo che aveva un debito di diecimila talenti; ma non aveva i mezzi per pagare, così il suo padrone diede ordine che fosse venduto, insieme alla moglie, ai figli e a tutti i suoi beni, per far fronte al debito. A questo punto il servo si gettò ai piedi del padrone. "Datemi tempo", disse, "e pagherò l'intera somma". Il padrone del servo si sentì così dispiaciuto per lui che lo lasciò andare e cancellò il debito. Ora, mentre questo servo usciva, incontrò per caso un altro servo che gli doveva cento denari; lo afferrò per la gola e cominciò a strozzarlo. "Paga quello che mi devi", gli disse. Il servo cadde ai suoi piedi e lo implorò, dicendo: "Dammi tempo e ti pagherò". Ma l'altro non volle acconsentire; al contrario, lo fece gettare in prigione finché non avesse pagato il debito. I suoi compagni di servitù furono profondamente addolorati quando videro ciò che era accaduto, e andarono dal loro padrone e gli riferirono l'intera faccenda. Allora il padrone lo mandò a chiamare. "Servo malvagio", gli disse, "ho cancellato tutto il tuo debito quando ti sei rivolto a me. Non eri dunque tenuto ad avere pietà del tuo compagno di servizio così come io ho avuto pietà di te?". E nella sua rabbia il padrone lo consegnò agli aguzzini finché non avesse pagato tutto il suo debito. Ed è così che il Padre mio celeste si comporterà con voi, se non perdonerete di cuore il vostro fratello".

Gesù aveva ormai finito quello che voleva dire, e lasciò la Galilea e venne nella parte della Giudea che si trova al di là del Giordano.

Riflessione sulla pittura

Tratto dal libro della Genesi, il nostro dipinto di Jan Victors raffigura il momento che precede la riconciliazione dei fratelli Giacobbe ed Esaù. Seguendo il testo biblico, Giacobbe ha diviso i figli delle sue due mogli e delle sue ancelle, mettendo questi ultimi davanti. Chiede perdono a Esaù che, invisibile in questo dipinto, avanza alla testa di quattrocento uomini. La postura di Giacobbe che chiede perdono è particolarmente ben resa: la mano destra è sul cuore, la sinistra regge con decisione un bastone e gli occhi mostrano rimorso.

Nella lettura del Vangelo di oggi, Pietro chiede a Gesù: "Signore, quante volte devo perdonare il mio fratello se mi fa un torto?". Pietro riconosce così che perdonare qualcuno che ci ha fatto del male non è facile o naturale. La sua domanda sembra implicare che stia cercando di calcolare i limiti del perdono.

Gesù risponde dicendo ai discepoli che il perdono deve essere illimitato. Dicendoci di perdonare tutto e tutti, Gesù ci pone un limite incredibilmente alto. Ma perché dovremmo perdonare così tanto? Perché il perdono, dato o ricevuto, ci trasforma! Essere perdonati da Dio nella confessione ci aiuta. Anche perdonare gli amici o i colleghi ci trasforma, perché espande il nostro cuore nella generosità e nell'amore.

Il nostro Vangelo ci dice che più ci apriamo al dono del perdono illimitato di Dio, più saremo in grado di trasmettere lo stesso perdono agli altri.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Subscribe
Notify of
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Oi Lian Kon
Membro
Oi Lian Kon(@kairos712)
3 mesi fa

"I suoi compagni di servizio furono profondamente addolorati quando videro ciò che era accaduto" -. non si sono voltati dall'altra parte. Signore, perdonami quando non agisco per la giustizia e la rettitudine.

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
3 mesi fa

Mia sorella mi ha profondamente e ripetutamente infastidito e offeso a diversi livelli. Cosa fare? È fin troppo facile dire perdonala....!?

Graham Barsby
Membro
Graham Barsby(@barsbee)
3 mesi fa
Rispondi a  Charles Marriott

Buongiorno Charles - non sei solo! Credo che possiamo solo fare la nostra parte, cioè perdonare nel nostro cuore e poi anche mostrare il perdono con le nostre azioni, il tono di voce e le espressioni del viso. Nel mio caso, uno dei miei vicini è straordinariamente difficile. È tempo di cristianesimo in azione. ?

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
3 mesi fa
Rispondi a  Charles Marriott

A che numero sei arrivato nel conteggio dei perdoni Chazbo...? ? X
Sì, tutti noi lottiamo con questo problema!
L'altra frase è: "Perdonatevi a vicenda appena cominciate a litigare..." (San Paolo).
Mi dà fastidio che mi dica questo quasi ogni giorno riguardo a mio marito!
Ricordo una signora che mi ha ferito innumerevoli volte e per la quale provavo ancora amarezza, anche se ormai era morta! Un sacerdote francescano mi suggerì di immaginarla nella mia mente e di ripetere continuamente le parole "Ti perdono". Devo dire che è stato molto efficace...

Letture relative a Matteo 18:21-19:1

2 ottobre 2021

Matteo 18:1-5,10

Così chiamò un bambino piccolo a lui e mise il ...

10 dicembre 2019

Matteo 18:12-14

La parabola della pecora smarrita

6 settembre 2020

Matteo 18:15-20

Se tuo fratello fa qualcosa di sbagliato...

9 marzo 2021

Matteo 18:21-35

Devi perdonare settanta - sette volte

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

Skip to content