Paesaggio con contadini che raccolgono l'uva e fanno il vino,
Dipinto da Marten van Valckenborch I (1534-1612),
Olio su tela,
Dipinto alla fine del XVI secolo,
© Christie's Londra, 6 luglio 2018, lotto 146, venduto per 50.000 sterline

Paesaggio con contadini che raccolgono l'uva e fanno il vino,
Dipinto da Marten van Valckenborch I (1534-1612),
Olio su tela,
Dipinto alla fine del XVI secolo,
© Christie's Londra, 6 luglio 2018, lotto 146, venduto per 50.000 sterline

Vangelo del 17 agosto 2022

Andate anche voi nella mia vigna e vi darò un giusto salario

Matteo 20:1-16

Gesù disse ai suoi discepoli: Il regno dei cieli è simile a un proprietario terriero che esce all'alba per assumere operai per la sua vigna. Si accorda con gli operai per un denaro al giorno e li manda nella sua vigna. Uscito verso l'ora terza, vide altri che stavano inoperosi nella piazza del mercato e disse loro: "Andate anche voi nella mia vigna e vi darò un giusto salario." Così andarono. Verso l'ora sesta e di nuovo verso l'ora nona, uscì e fece lo stesso. Poi, verso l'undicesima ora, uscì e trovò altri uomini che stavano in giro, e disse loro: "Perché siete stati qui a oziare tutto il giorno?". "Perché nessuno ci ha assunti", risposero. Allora disse loro: "Andate anche voi nella mia vigna". La sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: "Chiama gli operai e paga loro il salario, cominciando dagli ultimi arrivati e finendo con i primi". Così quelli che erano stati assunti verso l'undicesima ora si presentarono e ricevettero un denaro ciascuno. Quando arrivarono i primi, si aspettavano di ricevere di più, ma anche loro ricevettero un denaro ciascuno. Lo accettarono, ma brontolarono con il padrone di casa. "Quelli che sono arrivati per ultimi", dissero, "hanno fatto solo un'ora e tu li hai trattati come noi, anche se abbiamo fatto una giornata di lavoro pesante con tutto il caldo". Egli rispose a uno di loro e disse: "Amico mio, non sono ingiusto con te; non eravamo d'accordo su un denaro? Prendi il tuo guadagno e vattene. Ho scelto di pagare l'ultimo arrivato quanto pago te. Non ho forse il diritto di fare ciò che voglio con i miei soldi? Perché essere invidiosi se io sono generoso?". Così gli ultimi saranno i primi e i primi gli ultimi".

Riflessione sulla pittura

Leggendo questa parabola, la nostra mentalità contemporanea ci porta a pensare che le persone debbano essere pagate in modo giusto per il lavoro che svolgono: se si lavora di più, si deve essere pagati di più; se si lavora meno ore, si riceve una paga inferiore. Sarebbe giusto, no? In questa parabola sentiamo Gesù andare oltre questa rigida interpretazione della giustizia. Per lui sono più importanti il rispetto, la compassione e la solidarietà. Forse, dando all'operaio che lavorava meno ore una paga inferiore, avrebbe potuto lasciare la sua famiglia alla fame? Per Gesù, la compassione per la persona che ha lavorato meno è fondamentale. La compassione vince sulla giustizia.

Il dipinto in esame risale alla fine del XVI secolo e mostra i lavoratori in una vigna e l'intero ciclo della vinificazione: dalla raccolta dell'uva (in basso a sinistra), alla pigiatura dell'uva e all'imbottigliamento del vino (in basso a destra), al trasporto delle botti sulle barche fino alle città (al centro), ecc... Nel quarto di sinistra sono raffigurate anche le mele che vengono raccolte e radunate, quindi una ricca attività di raccolta. Il raccolto è una parte importante della vita sulla terra, il momento in cui il lavoro dell'anno dà i suoi frutti e la gente viene nutrita. Ma naturalmente è anche simbolo di abbondanza, dove il raccolto spirituale è il risultato dell'opera di Dio nei nostri cuori.

Come i lavoratori del campo nella parabola di oggi, anche noi dobbiamo seminare, coltivare e lavorare i nostri campi spirituali, per crescere e avere un raccolto abbondante. Ma la parabola ci insegna soprattutto che la generosità di Dio ci sorprende e ci lascia umiliati.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
5 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
miguel vargas
Membro
miguel vargas(@miguel)
1 mese fa

Il confronto vi ruberà sempre la gioia!

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
1 mese fa

Sono d'accordo con Anthony e Chazbo. In effetti, è un messaggio molto confortante ed è un altro modo in cui Gesù dice: "Sto alla porta e busso" Anche se siete lenti a lasciarlo entrare, la sua risposta è la stessa. Con amore.

Oi Lian Kon
Membro
Oi Lian Kon(@kairos712)
1 mese fa

La vigna di Dio è aperta fino all'undicesima ora. Non è mai troppo tardi!

Antonio
Membro
Antonio(@antonio)
1 mese fa

Questi possono essere coloro che si avvicinano a Cristo e, servendolo, più tardi nella vita ricevono la stessa ricompensa di coloro che si avvicinano a lui prima nella vita.

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
1 mese fa

La storia sottolinea anche che, anche se si spreca gran parte della propria vita senza lavorare e senza fare il proprio dovere, alla fine della giornata (della propria vita) si può sempre rimettere le cose a posto.

Letture correlate a Matteo 20:1-16

3 marzo 2021

Matteo 20:17-28

Gesù stava salendo a Gerusalemme

11 marzo 2020

Matteo 20:17-28

Gesù stava salendo a Gerusalemme

18 agosto 2021

Matteo 20:1-16

Così gli ultimi saranno i primi e i primi gli ultimi.

25 luglio 2019

Matteo 20, 20-28

Berrete il mio calice

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

Passa al contenuto