Gerusalemme,
dal dipinto "Gerusalemme nella sua caduta", di Henry C. Selous (1803-1890),
Incisione di Charles Sims Mottram (1806-1876),
Pubblicato SCARBOROUGH: GEORGE LORD BEEFORTH; LONDRA: HAYWARD & LEGGATT,
Pubblicato nel 1860
© Sotheby's New York, 17 dicembre 2020, lotto 160

Gerusalemme,
dal dipinto "Gerusalemme nella sua caduta", di Henry C. Selous (1803-1890),
Incisione di Charles Sims Mottram (1806-1876),
Pubblicato SCARBOROUGH: GEORGE LORD BEEFORTH; LONDRA: HAYWARD & LEGGATT,
Pubblicato nel 1860
© Sotheby's New York, 17 dicembre 2020, lotto 160

Vangelo dell'8 marzo 2023

Condanneranno a morte il Figlio dell'uomo

Matteo 20:17-28

Gesù stava salendo a Gerusalemme e, durante il cammino, prese i Dodici da una parte e disse loro: "Ora stiamo salendo a Gerusalemme e il Figlio dell'uomo sta per essere consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi". Lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché sia schernito, flagellato e crocifisso; e il terzo giorno risorgerà.".

Allora la madre dei figli di Zebedeo venne con i suoi figli a fargli una richiesta e si prostrò; ed egli le disse: "Che cosa vuoi?". Ella gli disse: "Promettimi che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e l'altro alla tua sinistra nel tuo regno". "Non sai quello che chiedi", rispose Gesù. Potete bere il calice che io sto per bere?". Risposero: "Possiamo". Molto bene", disse, "berrete il mio calice, ma per quanto riguarda i posti alla mia destra e alla mia sinistra, non spetta a me concederli; essi appartengono a coloro ai quali sono stati assegnati dal Padre mio".

Quando gli altri dieci udirono ciò, si indignarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: "Voi sapete che tra i pagani i signori spadroneggiano e i loro capi fanno sentire la loro autorità. Questo non deve accadere tra voi. No, chi vuole essere grande tra voi deve essere vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi deve essere vostro schiavo, così come il Figlio dell'uomo non è venuto per essere servito ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti".

Riflessione sull'incisione

Gesù sapeva esattamente cosa avrebbe affrontato a Gerusalemme. Nella nostra lettura di oggi predice ciò che gli accadrà: "condanneranno a morte il Figlio dell'uomo"... La storia della passione di Cristo sarà presto tra noi.

Il capitolo 20 del Vangelo di Matteo parla di quel periodo dell'anno in cui le persone si recavano in pellegrinaggio a Gerusalemme per la festa annuale della Pasqua. Molti ebrei provenienti da tutta la regione si stavano dirigendo verso la città santa. In mezzo a tutti questi pellegrini c'erano Gesù e i suoi discepoli. I discepoli si accorsero che Gesù era pensieroso, ma determinato, da cui le domande che gli ponevano nella nostra lettura. Sentivano che stava per accadere qualcosa, ma non sapevano esattamente cosa. E così Gesù condivise ciò che lo avrebbe atteso a Gerusalemme. Prima di iniziare il suo ministero, Gesù trascorse quaranta giorni nel deserto. Quello era un pellegrinaggio. E ora, mentre il suo ministero sta per concludersi, è di nuovo in pellegrinaggio, questa volta verso Gerusalemme. Durante la Quaresima ci uniamo a Gesù nel suo pellegrinaggio, un pellegrinaggio verso il Padre.

La nostra stampa, tratta da un dipinto di Henry Selous, mostra una veduta di Gerusalemme, dove Gesù sarebbe stato condannato a morte. L'incisione ritrae il Monte del Tempio, con la Cupola della Roccia al posto del Tempio e la Moschea di Al-Aqsa poco distante.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Subscribe
Notify of
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Antonio
Membro
Antonio
11 mesi fa

Matteo 23:37 - 24:2

spazio per la grazia
Membro
spazio per la grazia
11 mesi fa

Mi piace questo quadro perché ci ricorda che stiamo tutti facendo lo stesso viaggio verso Gerusalemme, ora che stiamo entrando nella terza settimana. Gesù ci chiama ad andare con Lui e noi dobbiamo cercare di non deluderlo. Se inciampiamo, come inevitabilmente accadrà, dobbiamo solo rialzarci e andare avanti. Mi piace pensare che, anche se i suoi discepoli più stretti a volte lo deludono, Egli conosceva l'intera massa di credenti che alla fine si sarebbe riunita per Lui. Forse da qualche parte nella folla ci vede con il suo sguardo divino. Che bello fargli sapere che siamo lì!

Chazbo M
Membro
Chazbo M
11 mesi fa

Abbiamo appreso della distruzione del Tempio quando eravamo in Terra Santa. Gesù l'aveva predetta con precisione. Fu demolito pietra dopo pietra, perché quando gli ebrei gli diedero fuoco per salvarlo dalla profanazione dei soldati romani, tutto l'oro e l'argento si sciolsero tra le pietre con cui era stato costruito. Sei legioni - una bella storia.

spazio per la grazia
Membro
spazio per la grazia
11 mesi fa
Rispondi a  Chazbo M

Dovremmo pregare per Gerusalemme, una città così assediata!

Graham B.
Membro
Graham B.
11 mesi fa

Amen.

Letture correlate a Matteo 20:17-28

25 luglio 2019

Matteo 20, 20-28

Berrete il mio calice

20 settembre 2020

Matteo 20:1-16

Anche loro ricevettero un denario ciascuno

3 marzo 2021

Matteo 20:17-28

Gesù stava salendo a Gerusalemme

16 marzo 2022

Matteo 20:17-28

Allora la madre dei figli di Zebedeo venne con lei...

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 70.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la nostra riflessione sull'arte.

Skip to content