Adorazione dei pastori,
Pittura di Matthias Stom (1615-1649),
Dipinto nel 1650 circa,
Olio su tela
© Palazzo Madama, Torino / Google Arts

Adorazione dei pastori,
Pittura di Matthias Stom (1615-1649),
Dipinto nel 1650 circa,
Olio su tela
© Palazzo Madama, Torino / Google Arts

Vangelo del 27 agosto 2022

La parabola dei talenti

Matteo 25:14-30

Gesù parlò ai suoi discepoli con questa parabola: Il regno dei cieli è simile a un uomo che, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servi e affidò loro i suoi beni. A uno di loro diede cinque talenti, a un altro due, a un terzo uno; ciascuno in proporzione alle sue capacità. Poi si mise in viaggio.

L'uomo che aveva ricevuto i cinque talenti andò subito ad impiegarli e ne guadagnò altri cinque. L'uomo che ne aveva ricevuti due ne guadagnò altri due allo stesso modo. Ma quello che ne aveva ricevuto uno se ne andò e scavò una buca nel terreno e nascose il denaro del suo padrone.

Dopo molto tempo, il padrone di quei servi tornò e controllò i suoi conti con loro. L'uomo che aveva ricevuto i cinque talenti si fece avanti portandone altri cinque. "Signore", disse, "mi hai affidato cinque talenti; eccone altri cinque che ho guadagnato".

Il padrone gli disse: "Bravo, servo buono e fedele; hai dimostrato di saper essere fedele nelle piccole cose, ti affiderò cose più grandi; vieni e partecipa alla felicità del tuo padrone".

Poi si fece avanti l'uomo con i due talenti. "Signore", disse, "mi hai affidato due talenti; eccone altri due che ho guadagnato". Il padrone gli disse: "Bravo, servo buono e fedele; hai dimostrato di essere fedele nelle piccole cose, ti affiderò cose più grandi; vieni e partecipa alla felicità del tuo padrone".

Per ultimo si fece avanti l'uomo che aveva un talento. "Signore", disse, "avevo sentito dire che sei un uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso; così ho avuto paura e sono andato a nascondere il tuo talento nel terreno. Eccolo qui; era tuo, lo riavrai". Ma il padrone gli rispose: "Servo malvagio e pigro! Sapevi dunque che io raccolgo dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso? Allora avresti dovuto depositare il mio denaro presso i banchieri, e al mio ritorno avrei recuperato il mio capitale con gli interessi. Ora, dunque, toglietegli il talento e datelo a colui che ha i cinque talenti. Perché a chi ha sarà dato di più e sarà nell'abbondanza; ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha. Quanto a questo servo buono a nulla, gettatelo fuori nelle tenebre, dove ci sarà pianto e stridore di denti"".

Riflessione sulla pittura

Il ricco proprietario protagonista della lettura del Vangelo di oggi è ritratto come una persona molto generosa, che si fida del suo personale più di quanto farebbero molti datori di lavoro. Prima di partire per le vacanze, affida somme di denaro molto ingenti a tre dei suoi servi, ciascuno in base alla sua capacità di fare buon uso di questo dono generoso. Con suo grande compiacimento, due dei servi fecero buon uso delle somme ricevute. Il terzo servo, invece, non fece nulla con ciò che gli era stato dato. Invece di riconoscere la natura costruttiva e generosa del suo padrone, rimane paralizzato dall'idea di un uomo esigente, dal cuore freddo e dall'atteggiamento ostico.

Gesù ci racconta questa parabola per aiutarci a riconoscere quanto Dio sia stato generoso con ciascuno di noi, quanto ci abbia affidato. Abbiamo ricevuto tanto.... E il dono più grande che ci ha fatto è suo Figlio.

Per questo oggi voglio semplicemente condividere un dipinto della nascita di Cristo, il dono più prezioso di Dio per noi. Più che un dono, egli è la luce del mondo. Il nostro dipinto, opera di Matthias Stom, raffigura Gesù Bambino che brilla di luce immensa. Tutti gli occhi sono rivolti a lui: tutti venerano il dono che è stato fatto.

I volti sono particolarmente ben dipinti, ma guardate anche la magnifica raffigurazione delle mani.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Subscribe
Notify of
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Lynde Stubbs
Membro
Lynde Stubbs(@lynde)
3 mesi fa

Così bello! Grazie per il vostro meraviglioso lavoro con la Santa Parola di Dio.

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
3 mesi fa

Fiuuu! Sono riuscito a tornare su questo sito. Ho dovuto comprare un nuovo computer per farlo!
D'ora in poi tornerà a fare osservazioni illuminanti!
Adoro questo dipinto - un messaggio di Natale anticipato!?

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
3 mesi fa

Sì, a chi è stato dato molto, ci si aspetta molto! Ascoltate i suggerimenti dello Spirito e non sbaglierete di molto... a patto che vi alziate e lo facciate davvero. ?

Letture relative a Matteo 25:14-30

8 novembre 2020

Matteo 25:1-13

La parabola delle vergini sagge e stolte

27 agosto 2021

Matteo 25:1-13

La festa di Santa Monica

9 agosto 2019

Matteo 25: 1-13

La parabola delle vergini sagge e stolte

28 agosto 2020

Matteo 25:1-13

Le vergini sagge e stolte

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

Skip to content