Bocca #3,
Dipinto da Tom Wesselman (1931-2004),
Dipinto nel 1966,
Olio su tela
© Sotheby's New York, maggio 2013, Lotto 19, venduto per $1.085.000

Bocca #3,
Dipinto da Tom Wesselman (1931-2004),
Dipinto nel 1966,
Olio su tela
© Sotheby's New York, maggio 2013, Lotto 19, venduto per $1.085.000

Vangelo dell'11 giugno 2022

Tutto ciò che dovete dire è "Sì" se intendete dire sì, "No" se intendete dire no.

Matteo 5:33-37

Gesù disse ai suoi discepoli: 'Avete imparato come fu detto ai nostri antenati: Non spergiurare, ma adempi i tuoi giuramenti al Signore'. Ma io vi dico questo: non giurate affatto né per il cielo, perché quello è il trono di Dio, né per la terra, perché quella è il suo zoccolo, né per Gerusalemme, perché quella è la città del grande re. Non giurare neppure sulla tua testa, perché non puoi far diventare bianco o nero un solo capello. Tutto ciò che dovete dire è "Sì" se intendete dire sì, "No" se intendete dire no.Qualsiasi cosa più di questo viene dal maligno".

Riflessione sulla tela Pop Art

Gesù dice nella lettura di oggi: "Basta che diciate "Sì" se volete dire sì, "No" se volete dire no". È vero: non sempre è facile essere sinceri, essere fedeli a ciò che abbiamo nel cuore. Le parole che pronunciamo non sempre esprimono ciò che abbiamo nel cuore. Certo, a volte non possiamo dire esattamente ciò che abbiamo in mente, perché dobbiamo essere gentili e generosi con gli altri. Ma Gesù sta parlando di qualcos'altro: vuole che prima di tutto mettiamo a posto ciò che abbiamo nel cuore. Se ci concentriamo a plasmare il nostro cuore verso il Regno di Dio, le parole che pronunciamo lo seguiranno. E allora il nostro "sì" significherà sì e il nostro "no" sarà un no corretto. Dobbiamo lasciare che la verità e la bellezza dei Vangeli si radichino nei nostri cuori.

Mentre la lettura di ieri si è concentrata sull'occhio, quella di oggi si concentra sul cuore. Se riusciamo a fare bene entrambe le cose, le parole sulle nostre labbra seguiranno. Queste sono le dinamiche della vita spirituale. In termini corporei: dall'occhio al cuore, alle labbra.

Il nostro dipinto del 1966 è opera di Tom Wesselman ed è un esempio di Pop Art: Bocca La serie mostra tele ingrandite e sagomate di labbra nell'atto di trasmettere emozioni. Alcuni potrebbero anche vedere queste tele come seducenti. Queste tele iperrealistiche hanno una qualità quasi scultorea.

La lettura di oggi mi ha anche ricordato questa citazione di Ignazio di Antiochia: "Non avere Gesù Cristo sulle labbra e il mondo nel cuore!".

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
2 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
3 mesi fa

Ho subito pensato a Giulietta che rimprovera Romeo per aver bestemmiato sulla luna "incostante"...
Non sopporto quando la gente dice "Lo giuro sulla vita di mia madre (o simile!
Grande immagine oggi.

Guy Van Holsbeke
Membro
Guy Van Holsbeke(@guy)
3 mesi fa

Il testo è inaspettato: come la mano sul ploeg è stata schiacciata, non c'è niente da fare...

Letture correlate a Matteo 5:33-37

15 giugno 2020

Matteo 5:38-42

Non opponete resistenza al malvagio

1° marzo 2021

Matteo 5:13-16

La tua luce deve brillare agli occhi degli uomini

18 marzo 2020

Matteo 5:17-19

Finché il cielo e la terra non scompariranno

12 marzo 2022

Matteo 5:43-48

Prega per coloro che ti perseguitano

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

Passa al contenuto