La strada di Menin,
Dipinto da Paul Nash (1889-1946),
Dipinto nel 1919,
Olio su tela
© Museo Imperiale della Guerra, Londra / Wikimedia

La strada di Menin,
Dipinto da Paul Nash (1889-1946),
Dipinto nel 1919,
Olio su tela
© Museo Imperiale della Guerra, Londra / Wikimedia

Vangelo del 14 giugno 2022

Amate i vostri nemici e pregate per coloro che vi perseguitano

Matteo 5:43-48

Gesù disse ai suoi discepoli 'Avete imparato come è stato detto: Devi amare il tuo prossimo e odiare il tuo nemico. Ma io vi dico questo: amate i vostri nemici e pregate per coloro che vi perseguitano. In questo modo sarete figli del Padre vostro che è nei cieli, perché egli fa sorgere il suo sole sui cattivi come sui buoni, e fa cadere la sua pioggia sugli onesti come sui disonesti. Infatti, se amate coloro che vi amano, che diritto avete di rivendicare qualche merito? Anche gli esattori delle tasse fanno altrettanto, non è vero? E se risparmiate i saluti solo per i vostri fratelli, fate forse qualcosa di eccezionale? Anche i pagani fanno così, non è vero? Dovete dunque essere perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste".

Riflessione sulla pittura

Dopo il dipinto di guerra di John Singer Sargent di ieri, vorrei condividere con voi un'altra tela di campo di battaglia, dipinta sempre nel 1919. Il nostro artista, Paul Nash, ricevette la commissione per quest'opera dal Ministero dell'Informazione nell'aprile del 1918. Inizialmente doveva intitolarsi'Un campo di battaglia nelle Fiandre'. Vediamo due soldati su un campo di battaglia devastato, con buche di granate piene di pioggia, trincee allagate e alberi in frantumi, illuminati da fasci di luce ultraterreni provenienti da un cielo apocalittico. Tutte le foglie degli alberi sono sparite e alcuni sono ridotti a monconi. La scena in primo piano più vicina allo spettatore è piena di blocchi di cemento, filo spinato e ferro ondulato, mentre sullo sfondo si innalzano colonne di fango causate dal fuoco dell'artiglieria. Questo enorme dipinto (182,8 cm × 317,5 cm; 72 in × 125 in.) mostra la totale devastazione che la guerra porta con sé.

Immaginate un soldato in un ambiente del genere che legge le parole del Vangelo di oggi, in particolare "Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano". Un compito quasi impossibile, vero?

Molti di noi difficilmente riuscirebbero a pensare a qualcuno che possa essere descritto come un nemico. Pensiamo che questo termine sia applicabile solo a situazioni di guerra o a persone che ci sono intensamente antipatiche. Tuttavia, se allarghiamo l'ambito di chi potrebbe essere un nemico e includiamo le persone che ci hanno fatto del male o che ci hanno turbato in qualche modo, allora forse possiamo pensare a qualche persona?

Ok: quando Gesù ci chiede di amare queste persone, non ci sta chiedendo di provare sentimenti caldi, luminosi ed emotivi nei loro confronti. No, fa appello alla nostra volontà piuttosto che ai nostri sentimenti. Per lo meno, possiamo volere il meglio per le persone che non ci piacciono particolarmente. E come possiamo farlo? Gesù ci chiede di esprimerlo attraverso la preghiera.

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Abbonarsi
Notifica di
4 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Gunter Martens
Membro
Gunter Martens(@gunter-martens)
12 days ago

Nel gruppo di studenti universitari, nell'ambito del corso di Teologia presso la HIGW di Hasselt, si è parlato di una recente visita all'orologiaio in Oekraïne, Gunter (da 23 anni attivo come ambasciatore di Hulpverlener), può aiutare anche i soldati russi?Mi rispondo: in modo naturale, non voglio che ci sia un ordine (tra kwaad e goed) ma un riflesso naturale che aiuti gli uomini in difficoltà.Posso e devo fare a meno delle offerte di slacktoff.
I nostri uomini (che sono di qualità, ma non sono tutti uguali)

Michael Trudeau
Membro
Michael Trudeau(@michaeltrudeau)
11 giorni fa
Rispondi a  Gunter Martens

Grazie per la condivisione. I suoi anni di esperienza conferiscono alle sue parole una forte credibilità.

Patricia O'Brien
Membro
Patricia O'Brien(@marispiro)
12 days ago

Beh, anche pregare per Putin probabilmente conta...

Charles Marriott
Membro
Charles Marriott(@chazbo)
12 days ago

Grande pittura! Abbiamo visto una mostra di suo fratello l'anno scorso a Eastbourne. Non era così dotato...

Letture correlate a Matteo 5:43-48

8 giugno 2020

Matteo 5:1-12

Benedetti siano...

13 giugno 2020

Matteo 5:33-37

Dite "sì" se intendete "sì", "no" se intendete "no".

1 novembre 2020

Matteo 5:1-12a

Ognissanti

16 giugno 2020

Matteo 5:43-48

Ama i tuoi nemici

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica