Uomo inginocchiato con i polsi legati,
Disegno di Scuola di Guercino (1591-1666)
Metà del XVII secolo,
Penna, inchiostro marrone e lavaggio marrone e grigio-marrone su gesso nero
© Museo d'arte dell'Università di Princeton

Uomo inginocchiato con i polsi legati,
Disegno di Scuola di Guercino (1591-1666)
Metà del XVII secolo,
Penna, inchiostro marrone e lavaggio marrone e grigio-marrone su gesso nero
© Museo d'arte dell'Università di Princeton

Vangelo del 25 giugno 2021

Un lebbroso si avvicinò e si inchinò a bassa voce

Matteo 8:1-4

Dopo che Gesù fu sceso dalla montagna, grandi folle lo seguirono. Un lebbroso si avvicinò e si inchinò a bassa voce davanti a lui. Signore", disse, "se vuoi, puoi guarirmi". Gesù stese la mano, lo toccò e disse: "Certo che voglio! Sii guarito!". E la sua lebbra guarì subito. Allora Gesù gli disse: "Bada di non dirlo a nessuno, ma va' a mostrarti al sacerdote e fai l'offerta prescritta da Mosè, come prova per loro".

Riflessione sul disegno

La lettura di oggi è una grande lezione di umiltà. Leggiamo come il lebbroso si è avvicinato a Gesù: si è inchinato e ha chiesto. Due atti di umiltà. In primo luogo, il lebbroso si inchina. Anche noi ci inchiniamo e genuflettiamo in chiesa. È un'espressione corporea che ci permette di impegnare tutta la nostra persona nel riconoscere la presenza di Dio ed esprimere il nostro profondo rispetto. In secondo luogo, il modo in cui il lebbroso inizia la sua petizione con le parole "Signore, se vuoi..." esprime ulteriore umiltà. Il lebbroso non fa alcuna richiesta, né dà nulla per scontato. Chiede semplicemente con gentilezza e delicatezza. Questo è il modo in cui anche noi siamo chiamati ad avvicinarci a Cristo: con umiltà e non con arroganza. 

Questo disegno della scuola del Guercino, della metà del XVII secolo, mostra un uomo inginocchiato. Non sappiamo se si tratti di un martire con i polsi legati o se sia semplicemente in una posa riflessiva. È a piedi nudi e guarda in basso, forse esausto. Si tratta di un bellissimo disegno dell'Antico Maestro. Il termine "disegni antichi" si riferisce a opere su carta eseguite tra il XV e il XIX secolo, di solito con gesso, penna, inchiostro, matita o anche acquerello. Di solito si tratta di disegni preparatori per dipinti più grandi. Questi disegni servono a gettare uno sguardo intimo nella mente dell'artista e nel suo processo creativo. Spesso preferisco i disegni ai dipinti perché gli artisti, a loro modo, devono costantemente cercare, provare, cercare e sperimentare per portare il loro soggetto all'espressione su carta. 

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Subscribe
Notify of
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Letture correlate a Matteo 8:1-4

28 novembre 2022

Matteo 8:5-11

Non sono degno di averti sotto il mio tetto; solo...

2 luglio 2019

Matteo 8, 23-27

Una tempesta si abbatte sul lago

30 giugno 2020

Matteo 8:23-27

Una tempesta così violenta che le onde si infrangevano...

1° luglio 2020

Matteo 8:28-34

Il maiale di Gadarene

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica

Skip to content