Gesù guarisce un cieco,
Parte della Cattedrale di Nostra Signora di Chartres,
costruito tra il 1194 e il 1220,
Pietra calcarea scolpita
© Cattedrale di Chartres, Parigi

Gesù guarisce un cieco,
Parte della Cattedrale di Nostra Signora di Chartres,
costruito tra il 1194 e il 1220,
Pietra calcarea scolpita
© Cattedrale di Chartres, Parigi

Vangelo del 6 dicembre 2019

Gesù guarì due ciechi

Matteo 9:27-31

Mentre Gesù andava per la sua strada due ciechi lo seguirono gridando: "Abbi pietà di noi, Figlio di Davide". Quando Gesù giunse alla casa, i ciechi si avvicinarono ed egli disse loro: "Credete che io possa fare questo?". Essi risposero: "Signore, lo crediamo". Allora toccò loro gli occhi dicendo: "La vostra fede lo merita, perciò sia fatto questo per voi". E la loro vista ritornò. Allora Gesù li ammonì severamente: "Fate attenzione che nessuno lo venga a sapere". Ma quando se ne furono andati, si parlò di lui per tutta la campagna.

Riflessione sulla scultura della cattedrale

Questo rilievo in pietra calcarea si trova all'interno delle pareti altamente scolpite della Cattedrale di Chartres, costruita principalmente tra il 1194 e il 1220... circa 800 anni fa! Mostra Gesù che guarisce un cieco mentre due discepoli lo osservano. In un certo senso tutti noi siamo ciechi, non riusciamo a vedere ciò che abbiamo davanti. Se da un lato abbiamo la vista fisica, dall'altro non sempre abbiamo la vista spirituale per vedere come stanno le cose. davvero sono davanti ai nostri occhi.

Ci sono momenti nella nostra vita in cui ci sentiamo spiritualmente ciechi, come se non fossimo veramente in contatto con il dolore che c'è là fuori, con i bisogni dei senzatetto, con i rifugiati... Possiamo essere induriti e chiudere un occhio su situazioni in cui non vogliamo essere coinvolti. Proprio come il cieco di oggi, abbiamo bisogno di essere guariti. E Gesù oggi ci dice che tutto ciò che dobbiamo fare è chiedere il suo aiuto. Tuttavia, spesso ci manca la fede per credere che Gesù possa fare qualcosa per noi. Sì, crediamo in Gesù, ma non sempre crediamo veramente che sia venuto a guarirci dalla nostra cecità. La nostra fede può essere caratterizzata dal sarcasmo. Cosa può fare veramente per me? Se Gesù è reale, allora perché c'è così tanta sofferenza intorno a me? ecc... Domande giuste, ma significa che, come il cieco, abbiamo bisogno di aprire i nostri occhi per essere veramente vedere che attraverso la preghiera e la fede possiamo essere risvegliati spiritualmente e aiutati ad assumerci la responsabilità di affrontare i bisogni che ci circondano.

Anche noi dovremmo trovarci ai piedi di Cristo per ricevere il suo tocco di guarigione... perché quando siamo deboli e conosciamo i nostri limiti, Lui è forte e rinnoverà la nostra fede per abbandonarci di nuovo completamente a Lui...

Condividi questa lettura del Vangelo

Vi è piaciuta questa lettura del Vangelo e questa riflessione artistica?

Partecipa alla discussione su quest'opera d'arte e sulla lettura del Vangelo

Obiettivo del donatore
Stabilite come obiettivo il numero totale di donatori.
0 Commenti
Si desidera visualizzare un messaggio personalizzato quando l'obiettivo viene chiuso?
Grazie a tutti i nostri donatori, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di raccolta fondi.

Letture correlate a Matteo 9:27-31

4 dicembre 2021

Matteo 9:35-10:1,5,6-8

Gesù fece un giro per tutte le città e i villaggi...

19 febbraio 2021

Matteo 9:14-15

Quando lo sposo viene portato via da loro, allora...

6 luglio 2020

Matteo 9:18-26

La bambina non è morta

21 settembre 2020

Matteo 9:9-13

Festa di San Matteo: Apostolo ed evangelista

Unisciti alla nostra comunità

Oltre a ricevere la nostra lettura quotidiana del Vangelo e la riflessione sull'arte, l'iscrizione gratuita ti permette di: 

La missione di Christian Art è quella di offrire una lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un'opera d'arte correlata e a una breve riflessione. Il nostro obiettivo è quello di aiutare le persone a crescere più vicino a Dio attraverso il magnifico abbinamento dell'arte e della fede cristiana.

CONNETTITI CON NOI

Unisciti alle oltre 40.000 persone che ricevono ogni giorno la nostra lettura del Vangelo e la riflessione artistica